Case ospedali di comunità, Lombardia approva progetto per Milano

·2 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Cernobbio (CO), 6 set. (askanews) - La Giunta di Regione Lombardia ha approvato il progetto per la realizzazione di Case e Ospedali di comunità nella città di Milano. Un documento predisposto dall'Ats Città Metropolitana, in coerenza con le indicazioni del Ministero della Salute, dell'Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali (Agenas) e del Piano nazionale di ripresa e resilienza (Pnrr), che pone l'accento sul potenziamento dell'area territoriale. Lo hanno illustrato oggi il presidente della Regione Lombardia Attilio Fontana e la vicepresidente, assessore al Welfare Letizia Moratti, assieme al direttore generale di Ats Città Metropolitana Walter Bergamaschi.

"Stiamo parlando - ha detto Fontana - della realizzazione di Case di comunità e di Ospedali di comunità, il cui progetto simbolo, quello della città di Milano, verrà poi replicato negli altri territori lombardi, partendo dalle province che hanno sofferto di più durante la pandemia".

"Regione Lombardia - ha spiegato la Moratti - ha programmato 700 milioni di euro di risorse per potenziare le strutture territoriali. Di questi oltre 140 sono già stati stanziati con delibere di Giunta nei mesi di luglio e agosto: in particolare 100 milioni per Ats Milano; 11,4 milioni per la Val Camonica e 3 milioni per ciascuna delle altre province".

"Regione Lombardia - ha continuato - è la prima a presentare un provvedimento concreto di attuazione del Pnrr, che è inserito nella proposta di legge di riforma sanitaria, e che prevede tempi certi di attuazione".

Il cronogramma del Pnrr prevede entro marzo 2022 la sottoscrizione dell'accordo col Governo per realizzazione delle strutture, con un contratto istituzionale di sviluppo.

"Il Progetto per l'attuazione di Case e Ospedali di comunità parte dalla città di Milano - ha specificato la vicepresidente e assessore al Welfare - ed è il primo in Lombardia, ma già nei prossimi giorni saranno valutati i programmi che vengono dalle altre Ats, sulla base del modello che presentiamo oggi. Tenendo conto prioritariamente delle aree più colpite dal Covid".

Il progetto Milano, che sarà modello per il resto del territorio, è stato realizzato sulla base di una analisi socio-demografica che ha vagliato: numero di abitanti, età della popolazione, densità abitativa, principali patologie con particolare riferimento a quelle croniche e consumi sanitari. Ha previsto la collocazione delle strutture all'interno della città tenendo come elemento di valutazione prioritario l'aggregazione dei Medici di medicina generale (Mmg) sul territorio (Centri di riferimento territoriale - Crt), che sono 23.

Le Case della comunità garantiranno l'attività medica e infermieristica sulle 24 ore, 7 giorni su 7, nelle strutture hub; sulle 12 ore, 6 giorni su 7 nelle strutture spoke, come previsto dalla duplice organizzazione (hub e spoke).

(segue)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli