Casella, voli di Stato: l’inchiesta di la Repubblica

·5 minuto per la lettura
inchiesta
inchiesta

Nella giornata di mercoledì 28 aprile, il quotidiano la Repubblica ha pubblicato un’inchiesta incentrata sui numerosi spostamenti compiuti dal presidente del Senato, Maria Elisabetta Alberti Casellati. In particolare, l’inchiesta sottolinea i 124 voli blu che l’esponente di Forza Italia ha effettuato, nel corso degli ultimi 11 mesi, con il Falcon 900dell’Aeronautica del quale ha potuto liberamente disporre. Il dato, inoltre, è stato confrontato con l’impiego del Falcon 900 attuato dal presidente della Camera Roberto Fico nel 2021, corrispondente a tre voli, richiesti nella medesima giornata del 25 gennaio e volti a consentirgli la partecipazione alla commemorazione dell’anniversario della morte di Giulio Regeni.

Casellati, 124 voli di Stato in un anno: l’inchiesta

Il ricorso al Falcon 900 rappresenta uno dei diritti del presidente del Senato: pertanto, ricorrendo all’utilizzo del mezzo, la Casellati non avrebbe violato alcuna legge. Ciononostante, la denuncia di la Repubblica si concentra sull’inutile ed eccessivo dispendio di denaro pubblico, attuato in spregio alla delicatissima situazione economica e sanitaria che l’Italia sta affrontando da circa un anno.

A questo proposito, il quotidiano sottolinea che, dei 124 voli blu, 97 di essi hanno percorso la tratta Roma-Venezia e viceversa. Il 75% dei viaggi della Casellati, quindi, sono stati condotti per consentire all’attuale presidente del Senato di spostarsi dal luogo di lavoro a Padova, dove risiede con la famiglia, in modo rapido e agevole.

In altre sei circostanze, concentrate nel mese di agosto 2020, poi, il Falcon 900 parte da Roma per dirigersi ad Alghero, in Sardegna. L’indagine condotta da la Repubblica svela che, nei periodi in cui il velivolo ha percorso una simile rotta, la Casellati si trovava proprio ad Alghero per trascorrere le vacanze estive.

Casellati, 124 voli di Stato in un anno “per evitare il Covid”

L’inchiesta pubblicata da la Repubblica, inoltre, dimostra che le abitudini della Casellati sono progressivamente mutate in seguito all’avvento della pandemia da coronavirus.

Prima dell’emergenza sanitaria, infatti, la donna si spostava da Padova a Roma ricorrendo al treno o a voli di linea. Dopo la pandemia, invece, la donna è rimasta a Roma tra marzo e maggio del 2020 per poi iniziare a ricorrere al Falcon 900, “per ragioni di tutela della salute” poiché “Casellati non può fare lunghi percorsi in macchina per un problema allaschiena”.

Casellati, 124 voli di Stato in un anno: la polemica

Le dichiarazioni di Alessandro Di Battista

In un post pubblicato sul suo account Facebook, l’ex esponente del Movimento 5 Stelle Alessandro Di Battista si è soffermato sull’aspetto economico della questione, scrivendo: “Non è affatto vero che la sobrietà nell’uso di denaro pubblico non sia importante anche dal punto di vista economico. C’è chi sostiene che un’ora di Falcon costi tra i 5.000 ed i 7.000 euro. Se fosse così i voli blu della Casellati ci sarebbero costati circa 750.000 euro nell’ultimo anno. Poca roba di fronte alle centinaia di miliardi di euro del bilancio dello Stato, forse. Ma tanti, davvero tanti, in un Paese dove le diseguaglianze crescono a dismisura. Non vorrei rovinare l’atmosfera idilliaca e conformista della Pax draghiana ma se la Casellati avesse utilizzato davvero un aereo di Stato per le sue vacanze dovrebbe dimettersi all’istante. Nei paesi normali (dove oltretutto esiste un’opposizione) funziona così”.

La posizione del Movimento 5 Stelle

Il senatore del Movimento 5 Stelle Gianluca Perrilli ha diramato una nota ufficiale per esprimere la propria posizione, affermando: “In base a quanto riportato oggi da un quotidiano, la Presidente del Senato Casellati avrebbe utilizzato per ben 124 volte l’aereo di Stato per i suoi spostamenti in Italia dal maggio del 2020 a oggi. Un volo ogni tre giorni: è un numero abnorme che richiede evidentemente delle spiegazioni da parte sua. Ci aspettiamo che la Presidente dica se corrisponde al vero e, se sì, il perché ha compiuto questa scelta. È importante oltre che urgente, visto che è una questionedi trasparenza delle istituzioni verso i cittadini. Si tratta di un ingente utilizzo di denaro pubblico per spostamenti che, per lo meno in buona parte di essi, è possibile fare con i mezzi a disposizione di tutti”.

L’ex ministro dell’Istruzione del M5S, Lucia Azzolina, invece, ha postato il seguente tweet: “Sarebbe opportuno che la presidente del Senato Casellati chiarisse. Neanche una parola sull’articolo di stampa che la accusa di aver utilizzato i voli di Stato anche per andare in vacanza?”.

Il commento di Nicola Frantoianni

Il deputato di Leu e segretario di Sinistra Italiana, Nicola Frantoianni, ha dichiarato: “L’inchiesta di Repubblica sull’utilizzo abnorme di voli di Stato da parte della presidente del Senato nel corso dell’ultimo anno necessita non di silenzi bensì di chiarimenti e correttivi. Trovo sconcertante quanto accaduto. In tempi così difficili e duri per il Paese, le Istituzioni e la politica e i loro rappresentanti devono per primi dare l’esempio. Spiace che questo non sia accaduto”.

La nota di Angelo Bonelli (Verdi)

Al pari del senatore Gianluca Perrilli, anche il coordinatore nazionale dei Verdi, Angelo Bonelli, ha diffuso una nota ufficiale, spiegando: “I 124 voli della Presidente del Senato per evitare il contagio da Covid sono costati oltre 1 milione di euro e senza nulla togliere al fatto che la senatrice rappresenta un’istituzione importante, la seconda carica dello Statoavrebbe dovuto tenere un comportamento più sobrio e prudente in un momento socialmente ed economicamente di profonda crisi evitando anche di utilizzare l’aereo di stato per recarsi in Sardegna in periodo di vacanza, come riportato dal quotidiano la Repubblica”.