Casellati apre 'Senato e Cultura', "omaggio a creatività Napoli"

Pol/Bac

Roma, 14 set. (askanews) - Il presidente del Senato, Elisabetta Casellati, ha aperto il settimo appuntamento di Senato&Cultura, sottolineando che si tratta di un "omaggio a Napoli, alla sua creatività, alla sua unicità".

"Se è vero infatti che già nell'antichità Polibio sottolineava come 'per la sua bellezza e per la sua fecondità gli Dei si contendono il possesso della città', Napoli - ha sottolineato - ha saputo nei secoli conservare intatta la sua magia, il suo fascino senza tempo. Per celebrarla ci sarà quindi spazio per la musica, il canto, la recitazione, l'arte; ma anche impegno sociale e solidarietà, due aspetti che diventano fondamentali per una narrazione efficace e realistica".

"Tanti ingredienti diversi per portare in scena un evento speciale che ci accompagnerà alla scoperta delle eccellenze e dei tesori partenopei. Avremo quindi la possibilità - ha ricordato - di ascoltare e conoscere Don Antonio Loffredo, parroco della Basilica di Santa Maria della Sanità e Rosario Esposito La Rossa, fondatore de 'La Scugnizzeria Sognare il possibile', due esempi di come la cultura possa essere uno strumento di riscatto e di aiuto ai giovani".

"Racconteranno inoltre le loro esperienze - ha spiegato ancora - due artisti unici nel loro genere: Marco Ferrigno esporrà nelle Sale adiacenti all'Aula del Senato alcune sue creazioni rappresentative della tradizione del presepe napoletano; Lello Esposito offrirà al pubblico la possibilità di ammirare la creazione 'Pulcicorno', opera simbolica della cultura partenopea, realizzata appositamente per Senato&Cultura. Tra questi due momenti daremo spazio al canto e alla recitazione con l'esibizione di Serena Autieri che interpreterà brani della tradizione partenopea".

"Il finale sarà affidato ad uno dei più grandi artisti italiani: Massimo Ranieri. Attore, cantante, 'istrione del palcoscenico', ci delizierà con i capolavori assoluti del repertorio musicale napoletano. Ricordo che Senato&Cultura è un progetto realizzato in collaborazione con la Rai e con Rai Cultura - che ringrazio sempre - per valorizzare il nostro patrimonio storico e culturale, e metterlo a disposizione dei cittadini grazie a proposte artistiche che coinvolgono le eccellenze italiane", ha concluso.