Casellati: aumentare insegnanti di sostegno per studenti con autismo

Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 13 mag. (askanews) - "È importante investire nelle strutture e nei servizi per le famiglie che convivono con l'autismo". Lo ha detto la presidente del Senato, Maria Elisabetta Alberti Casellati, sottolineando, in particolare, la necessità di "aiutare le scuole, mettendo a disposizione più insegnanti e valorizzando quei docenti che del sostegno hanno fatto una vocazione". Intervenuta al primo Festival In&Aut in corso alla Fabbrica del Vapore, dedicato alle persone affette da autismo, Casellati ha evidenziato inoltre l'importanza di "garantire agli adulti con autismo percorsi di formazione-lavoro e di inclusione concreta, in grado di migliorare la qualità della vita, costruire un futuro diverso da quello di assistiti perenni e non abbandonarli al proprio destino".

"Sono particolarmente orgogliosa che sotto questo profilo, un input importante sia partito proprio dal Senato della Repubblica con la norma, voluta fortemente dal senatore Comincini, che prevede sgravi fiscali e contributivi per le startup sociali che assumono lavoratori con autismo. È un passaggio importante che tutela e valorizza le tante esperienze innovative di inclusione al lavoro già esistenti e che, ne sono certa, genererà altre opportunità e iniziative" ha proseguito la presidente del Senato.

"Solo quando lo Stato avrà potenziato il sistema di risposta pubblica alle esigenze educative, sanitarie e sociali dei 'fragili', solo quando nessuna famiglia in difficoltà sarà stata lasciata indietro, soltanto allora potremo dire di aver compiuto fino in fondo il nostro dovere" ha concluso Casellati auspicando che il Festival In&Aut "rappresenti una chiamata a raccolta per tutti: amministratori, politici, aziende, cittadini".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli