Casellati, certa che Rai affronterà sfida web-cultura territori

Lsa

Roma, 25 set. (askanews) - In una fase in cui le piattaforme digitali si sono imposte nella comunicazione, con il rischio di porre in secondo piano la cultura e la ricchezza dei territori, La Rai sarà in grado di affrontare questa "sfida globale", anche grazie all'esperienza maturata con il Prix Italia, che "ha saputo raccogliere e mettere a sistema il meglio dell'offerta internazionale". Lo ha affermato il Presidente del Senato, Elisabetta Casellati, nel suo intervento al Prix Italia, il concorso internazionale organizzato dalla Rai e giunto alla 71* edizione.

"Al di là delle opportunità che i vari strumenti di comunicazione hanno avuto nel tempo, oggi, nell'epoca delle grandi piattaforme trans-nazionali, il rischio è di non poter più concepire un'attività editoriale che riguardi la vita sociale delle comunità, ne anticipi e agevoli lo sviluppo, ne rimarchi le criticità e le mancanze. Si tratta - sono le parole di Casellati - di una sfida globale, da sostenere però con le armi uniche dei territori, delle specificità, delle unicità. Una sfida che sono certa la Rai affronterà potendo contare sull'esperienza e sui risultati di questa manifestazione".

Il presidente del Senato usa il termine di "sostenibilità culturale", un concetto a cui la comunicazione dovrebbe tendere e che "lega la qualità dei singoli prodotti di comunicazione con la capacità di costruire percorsi che possano essere messi a disposizione delle future generazioni. Ed è per questo che il confronto, ad un così alto e qualificato livello, può rappresentare, anche per le istituzioni, un utile momento di riflessione e di analisi, specie con riferimento a quelli che potrebbero essere spunti per nuovi provvedimenti legislativi".

A testimonianza del suo interesse per queste temetiche, Casellati ha ricordato il progetto 'Senato&Cultura' svolto in collaborazione con la Rai, che ha l'obiettivo di "offrire ai giovani talenti un'occasione per mostrare le proprie qualità e per dare ai cittadini la possibilità di conoscere le eccellenze artistiche e culturali".