Caserta, guidava sotto effetto cocaina: gravissima bimba

Gtu

Roma, 25 ago. (askanews) - La bambina è in condizioni critiche, ricoverata nel reparto di terapia intensiva del Santobono di Napoli, l'uomo che alla guida dell'auto l'ha investita è risultato positivo alla cocaina e nella notte è stato arrestato dai carabinieri di Mondragone.

L'incidente è avvenuto ieri alle 15 del pomeriggio a Pescopagano, una frazione del comune di Mondragone, in provincia di Caserta. Secondo le prime ricostruzioni dei carabinieri la bimba, di origini ucraine, stava passeggiando su via Lista, la via principale che porta ai Lidi, era con i genitori, ma ha attraversato la strada per raggiungere la mamma dall'altro lato. E' sopraggiunta un'auto, a forte velocità, che l'ha investita in pieno.

L'uomo che era alla guida, un 47enne di Secondigliano, che era nella località con i familiari, è fuggito. I carabinieri di Mondragone subito intervenuti hanno però ritrovato poco dopo l'auto abbandonata con il parabrezza sfondato. Hanno rintracciato i familiari dell'uomo e insieme lo hanno convinto a costituirsi: nella notte si è presentato alla caserma di Casavatore. Sottoposto al test, è risultato positivo alla cocaina e i militari lo hanno arrestato per lesioni gravissime aggravate dall'uso di sostanze stupefacenti.

La bambina, subito dopo l'incidente, è stata portata in ospedale, a Castelvolturno, da parenti dell'investitore. A loro dire passati lì per caso. Su questa circostanza stanno conducendo accertamenti i militari. Possibile che fossero in zona tutti insieme, dato che erano nella località in vacanza con il 47enne, ma anche che siano intervenuti su indicazione dell'uomo.

A causa della gravità delle ferite la bambina dal Pineta Grande di Castelvolturno è stata trasferita all'ospedale Santobono di Napoli, dove è ricoverata, in condizioni gravissime, in terapia intensiva.