I casi sono in aumento in Campania

·2 minuto per la lettura
Covid
Covid

La variante Delta a Napoli e in Campania è arrivata al 70%. Scoppiato un focolaio di Covid a Pozzuoli. I dati stanno peggiorando. A fine giugno la variante Delta era al 30%. La variante inglese è al 18% e la brasiliana all’11%.

Variante Delta a Napoli arrivata al 70%

In Campania la variante Delta del Covid è arrivata al 70%“. Sono questi i dati del sequenziamento effettuato questa settimana nei centri di ricerca della Campania, come il Tigem di Pozzuoli, l’Istituto Telethon di genetica e medicina, diretto da Andrea Ballabio, affiancato dall’Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Mezzogiorno e dall’Azienda Ospedaliera Dei Colli, come riportato da Fanpage.it. Il primo caso di variante Delta in Campania è stato scoperto lo scorso 2 maggio, mentre a fine giugno era arrivata al 30%. I dati parlano chiaro, due positivi su tre sono stati contagiati dalla variante Delta. Ad oggi, su 108 campioni analizzati alla Asl Napoli 2 Nord, la variante Delta è arrivata al 70,3%, mentre quella inglese al 18,5% e quella brasiliana all’11,1%.

Variante Delta a Napoli: colpisce anche i vaccinati

La variante Delta colpisce anche le persone vaccinate contro il Covid. Nonostante questo, l’efficacia del vaccino è stata confermata da studi specialistici. Nelle persone vaccinate il virus si manifesta in modo asintomatico o pauci sintomatico. Su 51 nuovi casi positivi a Napoli, secondo i dati dell’Asl Napoli 1 Centro, ci sono sei persone vaccinate con doppia dose, di cui quattro con Pfizer e due con AstraZeneca. I vaccini non eliminano il rischio di contagiarsi e di contagiare, ma sembrano essere efficaci nel prevenire una sintomatologia grave e nell’abbassare il tasso di letalità del virus. La situazione è molto delicata in questo momento, perché potrebbe confermare quanto detto da diversi esperti, ovvero che nelle prossime settimane i contagi potrebbero tornare ad aumentare.

Variante Delta a Napoli: sei vaccinati tra i contagiati

Sei persone contagiante a Napoli erano vaccinate. Un dato significativo, anche se non si conosce la data della seconda somministrazione. Il contagio delle persone vaccinate non deve creare allarmismi, visto che è stato ripetuto molte volte che il vaccino non esclude il contagio. Oltre alle 6 persone vaccinate con due dosi, tra i positivi al Covid sono presenti anche 14 persone che hanno ricevuto solo la prima dose. Tra questi, dieci hanno ricevuto la prima dose Pfizer, tre quella Johnson&Johnson e uno Astrazeneca.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli