Casi vaiolo scimmie in Italia salgono a 20, aumenteranno nei prossimi giorni - Sileri

Una provetta per un test per il vaiolo delle scimmie

ROMA (Reuters) - I casi di vaiolo delle scimmie in Italia sono saliti a 20 e sono destinati a crescere.

Lo ha detto il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri nel corso di una trasmissione radiofonica.

"Noi abbiamo 20 casi in Italia, 19 sono tutte persone che hanno avuto storie di viaggi laddove c'è stata una catena di contagio e forse, questo non ancora confermato, un solo caso invece avvenuto come secondo contagio", ha detto Sileri.

"Però attenzione c'è l'incubazione di un paio di settimane scarse, è chiaro che nei prossimi giorni ne avremo di più", ha aggiunto.

Gli ultimi dati del ministero della Salute dello scorso 27 maggio avevano accertato un totale di 12 casi nel Paese. Il primo caso in Italia di vaiolo delle scimmie era stato accertato il 19 maggio all'Istituto Spallanzani di Roma.

L'Oms ha detto di non ritenere che l'epidemia che si è sviluppata al di fuori dell'Africa, da dove è partita la diffusione, possa diventare un fenomeno pandemico. A maggio sono stati segnalati più di 300 casi sospetti o confermati di questo vaiolo - una malattia solitamente lieve che si diffonde attraverso il contatto ravvicinato e può causare sintomi simili all'influenza e lesioni cutanee piene di pus - soprattutto in Europa.

(Stefano Bernabei, editing)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli