Caso Amara: Davigo, 'pm spieghi perché stesso comportamento non è sempre reato'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Brescia, 20 apr. (Adnkronos) – "Mi viene contestata la rivelazione di segreto di ufficio al vicepresidente del Csm ma non mi viene contestato di aver detto le stesse cose al primo presidente della Corte di Cassazione: perché è lecito se lo dico a Curzio e illecito se lo dico a Ermini? Questo il pubblico ministero deve spiegarmelo". E' uno dei passaggi delle brevi dichiarazioni spontanee rese da Piercamillo Davigo imputato a Brescia per rivelazione del segreto di ufficio. "Vorrei sapere perché comportamenti identici a volte vengono considerati reati e altri no", aggiunge una volta fuori dall’aula Davigo che non si è opposto alla presenza delle telecamere in aula per "una vicenda che reputo molto importante per l’opinione pubblica".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli