Caso camici, l'ex dg di Aria Bongiovanni interrogato dai pm

fcz
·1 minuto per la lettura

Milano, 24 lug. (askanews) - E' in corso in Procura l'interrogatorio di Filippo Bongiogvanni, ex direttore generale di Aria (la centrale acquisti della Regione Lombardia) davanti ai magistrati milanesi che indagano sulla partita di camici fornita alla Regione da Dama, societ di abbigliamento varesina di propriet di Andrea Dini, cognato del governatore Attilio Fontana. Il manager, che si dimesso dopo essere stato coinvolto nelle indagini, accusato di turbata libert nella scelta del contraente, la stessa accusata contestata a Dini. L'inchiesta milanese, condotta dai pm Paolo Filippini, Luigi Furno e Carlo Scalas, riguarda nello specifico il contratto per la fornitura di 75 mila camici da destinare ai medici e infermieri nella fase pi critica dell'emergenza Coronavirus. Un contratto di acquisito da 513 mila assegnato a Dama con affidamento diretto il 16 aprile scorso e poi trasformato in donazione intorno il 20 maggio. Vale a dire poco dopo l'intervista rilasciata dal governatore il 15 maggio a Report, la trasmissione di Rai 3 che per prima si occup del caso. Gli inquirenti milanesi coordinati dal procuratore aggiunto Maurizio Romanelli stanno conducendo una serie di verifiche investigative sul presunto ruolo attivo che il governatore lombardo potrebbe aver rivestito nella fase di trasformazione del contratto di fornitura in una donazione.