Caso Consip, Lotti e Del Sette rinviati a giudizio

gian franco coppola

L'ex ministro dello Sport, Luca Lotti, e l'ex comandante generale dei carabinieri, Tullio Del Sette, sono stati rinviati a giudizio dal gup della capitale Clementina Forleo che ha fissato l'inizio del processo al 15 gennaio prossimo. Prosciolto invece da tutte le accuse Giampaolo Scafarto, attuale assessore alla legalità a Castellammare di Stabia. Proscioglimento anche per il colonnello Alessandro Sessa.

LEGGI ANCHE: Caso Consip, Lotti: "Dimostrerò la mia innocenza"

Il rinvio a giudizio è stato disposto anche nei confronti del generale dei carabinieri Emanuele Saltalamacchia, dell'imprenditore Carlo Russo e di Filippo Vannoni, presidente della società Publiacqua. Davanti ai giudici della seconda sezione penale del tribunale, Lotti risponderà del reato di favoreggiamento: secondo la procura, il 3 agosto del 2016 avrebbe rivelato all'allora ad di Consip Luigi Marroni "l'esistenza di una indagine penale che interessava gli organi apicali passati e presenti di quella società e, in particolare, di una attività di intercettazione telefonica sull'utenza in suo uso".

LEGGI ANCHE: Luca Lotti, dagli incarichi di governo al caso Consip

Circostanza sempre negata dall'ex ministro dello Sport ("Non potevo dire ciò che non sapevo"). Favoreggiamento e rivelazione di segreto sono i reati attribuiti al generale Del Sette che nell'estate del 2016, stando all'impostazione accusatoria, avrebbe informato Luigi Ferrara, all'epoca presidente di Consip, che c'era un'inchiesta penale sul conto dell'imprenditore campano Alfredo Romeo e di essere cauto "nelle comunicazioni a mezzo telefono".

LEGGI ANCHE: Caso Consip, Del Sette: "Sconcertato, forse ho pestato i piedi a qualcuno"

Anche il generale Saltalamacchia dovrà fare i conti con l'accusa di favoreggiamento per aver rivelato nell'estate del 2016 a Marroni che la procura di Napoli indagava su Consip. "Oggi, 3 ottobre 2019, il Giudice per le udienze preliminari ha deciso che dovrà esserci un processo per accertare definitivamente la verità dei fatti. Il reato di cui devo rispondere e' favoreggiamento di un 'non indagato'.

"Come ho fatto finora, affronterò tutto questo a testa alta". Lo scrive Luca Lotti su Facebook a proposito del rinvio a giudizio per il caso Consip. "Ero e resto convinto che i processi si fanno nelle aule dei Tribunali e non sui giornali. Dimostrerò in quelle sedi la mia innocenza", aggiunge il deputato Pd.

GUARDA ANCHE - Renzi scherza con uno studente: battuta sul caso Consip