Caso David Rossi, la mail del suicidio è falsa, le parole del legale Miceli

·2 minuto per la lettura
morte
morte

Il legale della famiglia di David Rossi, ex capo della Comunicazione di Monte dei Paschi di Siena, ha rivelato che la mail in cui l’uomo annunciava il suo suicidio è falsa in quanto, come dimostrato dalla Polizia Postale di Genova, è stata inviata ore dopo l’avvenuto decesso.

Morte David Rossi, avvocato Miceli sul caso dell’ex capo della Comunicazione di Monte dei Paschi di Siena

L’ex capo della Comunicazione di Monte dei Paschi di Siena, David Rossi, è morto il 6 marzo 2013, precipitando da una finestra della sede centrale della banca situata in piazza Salimbeni.

In merito all’accaduto, era stata avanzata l’ipotesi del suicidio, anche in considerazione del ritrovamento di due e-mail che attestavano la volontà del dirigente di MPS di porre fine alla sua vita. Una simile tesi, tuttavia, non è mai stata condivisa dalla moglie di David Rossi, Antonella Tognazzi, e sembra essere stata avvalorata anche da alcuni accertamenti condotti dalla Polizia Postale di Genova.

Successivamente, era stata disposta l’archiviazione del caso.

Morte David Rossi, avvocato Miceli: “L’e-mail che annunciava il suicidio è stata creata post mortem”

In merito alla vicenda, si è espresso l’avvocato della vedova Antonella Tognazzi, Carmelo Miceli. Contattato da AdnKronos, riassumendo quanto emerso contestualmente all’inchiesta a Genova sul caso di David Rossi e alle indagini approfondite condotte sulle mail, il legale Miceli ha dichiarato: “La Polizia Postale di Genova documenta come le e-mail siano due e la data di creazione di queste e-mail è tale da farle risalire alla mattina del 7 marzo, all’indomani della morte di David, nonostante il delivery time sia del 4 marzo. Una circostanza anomala“.

Morte David Rossi, avvocato Miceli: “Nessun approfondimento sulle mail”

L’avvocato Miceli, inoltre, ha anche riferito quanto segue: “La Polizia Postale segnalò l’anomalia, l’impossibilità di approfondire ulteriormente in forza del possesso del solo file copia, ma anche l’opportunità di approfondire pur dicendo di non essere in condizione di farlo non avendo delega in tal senso”.

In questo contesto, tuttavia, il legale ha sottolineato come non siano mai stati ordinati né effettuati accertamenti in tal senso.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli