Caso Denise Pipitone, buco di mezz'ora nel giorno della scomparsa?

·2 minuto per la lettura
denise pipitone 1
denise pipitone 1

Continuano da 17 anni le indagini sul caso di Denise Pipitone, la bambina scomparsa nel 2004 a Mazzaro del Vallo, ed ecco spuntare un risvolto importante: nel giorno della scomparsa, infatti, ci sarebbe un buco di quasi mezz’ora non giustificato.

Denise Pipitone, buco di mezz’ora nel giorno della scomparsa?

Il prossimo 1 settembre 2021 saranno passati esattamentente 17 anni dalla scomparsa di Denise Pipitone, la bambian di Mazzara del Vallo, ma da quel giorno non sono cessate le indagini e le ricerche da parte della famiglia e delle autorità.

Negli ultimi mesi però le indagini avrebbero messo in luce una debolezza delle testimonianze raccolte in questi decenni, realtiva al giorno della scomparsa: ci sarebbe infatti un buco di mezz’ora non giustificato.

Denise Pipitone, riavvolgiamo il nastro

Per capire il gap temporale, dobbiamo riavvolgere il nastro del tempo e tornare a quel primo settembre del 2004, giorno della scomparsa.

Secondo le testimonianze, Piera Maggio, la madre di Denise, uscì di casa alle 8.30 per seguire un corso. Il padre era già uscito per andare al lavoro, quindi sia Denis eche il fratello rimangono a casa con i nonni.

Verso le 9.30 il compagno di Fiorella Marino, cugina di Denise prende con sè la bambina e la porta a fare delle commissioni, ma torneano alle 10 insieme dai nonni.

Qualche minuto dopo Denise scende in strada a giovare, sotto lo sguardo dei nonni e di Francesca, altra parente, che dice di averla avuta sottop gli occhi fino alle 11.37.

Alle 12 tutti vanno a chiamare Denise in strada per l’ora di pranzo, ma si accorgono che la bambina è sparita nel nulla. Da qui ora ripartiranno le indagini, per capire cosa sia pouito accadere in quel lasso di tempo.

Il fratello di Denise Pipitone si sposa: immagini fisicono sui social

Mentre continuano le indagini sulla scomparsa di Denise, il fratello Kevin ha deciso di sposarsi, godendosi una giornata nella più totale intimità, dato che la famiglia da 17 anni vive al centro dell’attenzione mediatica.

Tuttavia, qualcuno è riuscito a scattare della foto, che hanno inziato a circolare sui social. Piera Maggio, la madre, ha deciso di lanciare un appello tramite l’avvocato Mary Falco, affinché le immagini venissero cancellate:

Purtroppo sono state rese pubbliche dei video e foto del matrimonio del figlio di Piera Maggio, senza il consenso dei diretti interessati. Come ben sappiamo, spesso succede che dei followers, profili, pagine ecc.. su vari social network copiano il materiale e lo ripubblicano! Infatti, voilà la diffusione sui Social”

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli