Caso Gregoretti, digiuno per Salvini: "Oggi 5mila italiani con me"

Caso Gregoretti, digiuno per Salvini: "Oggi 5mila italiani con me"

All’indomani della decisione della giunta su Matteo Salvini e il caso Gregoretti, il leader della Lega in una diretta Facebook ha commentato il successo dell’iniziativa lanciata dalla Lega in sua solidarietà.

“Vi ringrazio perché sono quasi 5mila le italiane e gli italiani che oggi digiunano”, ha detto Salvini, “che oggi rinunciano a colazione, al pranzo, alla cena, come segno di vicinanza e di protesta. E io con loro. Mi fa anche bene così magari la Gruber non dirà più che sono un panzone".

GUARDA ANCHE - Tentata aggressione a Salvini

"Oggi - ha aggiunto - digiuno nel nome di un'Italia che deve avere il diritto di difendere i suoi confini, il suo lavoro, la sua cultura, le sue bellezze, la sua storia, la sua sicurezza e la sua identità. Perché per me bloccare l'immigrazione clandestina non era un diritto ma un dovere. Se per il Pd e per qualche giudice è un crimine, processatemi e arrestatemi".

"Ringrazio le centinaia di avvocati che da stamattina mi stanno scrivendo per mettersi a disposizione, gratis, per l'eventuale difesa nel processo a mio carico", ha spiegato il leghista, "mi stanno scrivendo anche alcuni magistrati".

"Ringrazio - ha concluso Salvini - i tanti magistrati, giudici, che mi stanno scrivendo in maniera riservata dicendo 'Siamo con te, la giustizia non è di destra o sinistra, ma quello che ti vogliono fare e' un processo politico'".

GUARDA ANCHE - Salvini prende in giro il Papa