Caso Grillo, Silvia al telefono: "Sesso solo con chi amo, sono stata idiota"

·2 minuto per la lettura
Instagram
Instagram

"Perché sono così idiota? Perché mi comporto così? Perché non dico basta, come se non fosse possibile?". A parlare al telefono con un'amica è Silvia, la diciannovenne che ha accusato di stupro il figlio di Beppe Grillo, Ciro, e i suoi tre amici Vittorio Lauria, Francesco Corsiglia ed Edoardo Capitta. Gli audio delle telefonate della ragazza sono finiti agli atti del processo iniziato a Tempio Pausania.

GUARDA ANCHE IL VIDEO: Violenza sessuale, interrogato il figlio di Beppe Grillo

LEGGI ANCHE: Caso Grillo jr: Al via udienza preliminare, la battaglia si sposta sulle chat audio

La difesa dei ragazzi non ha dubbi: "Quelle telefonate dimostrano che il rapporto era consenziente". Ma dagli stessi audio si potrebbe, invece, capire la situazione di debolezza nella quale si sentiva la vittima dopo essere stata violentata. 

LEGGI ANCHE: Caso Grillo, oggi l'udienza preliminare. Si indaga anche per revenge porn

"Qualunque cosa fatta da quei ragazzi me la merito, ero come fuori di me e probabilmente li ho lasciati fare", di Silvia colpevolIizzandosi, così come fanno tutte le vittime di violenza. E ancora: "Per me il sesso è una cosa sacra, se possiamo dire così... fare sesso per me è qualcosa di, forse... non so, spero che quello che sto dicendo non ti sembri superficiale, ma per me il sesso è qualcosa che voglio fare con qualcuno che amo".

GUARDA ANCHE IL VIDEO: Grillo jr, udienza preliminare rinviata al 5 novembre

LEGGI ANCHE: Grillo, richiesta rinvio giudizio Ciro e amici: ecco le prove del pm

Ciro Grillo e i suoi amici sono stati denunciati per un fatto avvenuto il 17 luglio 2019 nella villa in Sardegna dove era in vacanza in figlio di Grillo. Due le ragazze che li hanno denunciati: Silvia e Roberta. La prima li ha accusati di stupro di gruppo. La seconda, che mentre avvenivano le presunte violenze dormiva sul divano, li ha denunciati dopo aver scoperto di essere sullo sfondo di fotografie e di un filmato osceno fatto dai giovani proprio mentre lei dormiva. I quattro ragazzi, però, si protestano innocenti e sono pronti a dare battaglia al processo.

GUARDA ANCHE IL VIDEO: Bongiorno: "La denuncia della ragazza è stato un grido di dolore"

LEGGI ANCHE: La vittima del presunto stupro in Sardegna: "Volevo urlare ma non riuscivo"

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli