Caso Huawei, Cina chiede di liberare la figlia del fondatore

Mos

Roma, 20 gen. (askanews) - La Cina, nell'imminenza dell'udienza di estrazioni della manager di Huawei Meng Wanzhou, figlia del fondatore, dal Canada agli Stati uniti, ha chiesto oggi di rilasciarla. Lo scrivono i media cinesi.

Negli Usa Meng deve affrontare 13 capi d'accusa, che vanno dalla truffa alla cospirazione, in un'inchiesta che riguarda uno schema per evadere le sanzioni contro l'Iran. E' detenuta a Vancouver da dicembre 2018.(Segue)