Caso Legnano, revocati arresti domiciliari a ex sindaco Fratus

webinfo@adnkronos.com

L’ex sindaco di Legnano, Gianbattista Fratus, è tornato oggi in libertà. Lo annuncia il suo legale, l'avvocato Alessandro Bernasconi. Gli arresti domiciliari revocati dal tribunale di Busto Arsizio, su richiesta dei difensori, anche agli altri due coimputati, Maurizio Cozzi e Chiara Lazzarini, si protraevano da più di sette mesi, per i reati di turbativa d’asta e turbata libertà del procedimento di scelta del contraente, spiega Bernasconi.  

"Si trattava della nomina di un dirigente del comune di Legnano e del direttore generale di una società partecipata: con nessuno dei due candidati alle selezioni gli imputati avevano pregressi rapporti personali di conoscenza; nessuna corresponsione di somme di denaro è stata contestata dalla pubblica accusa. Ciò nonostante, è stata applicata la misura degli arresti domiciliari, revocata con l’odierno provvedimento. Il processo penale proseguirà dopo la pausa natalizia", conclude il legale.