Caso Martor, Boccia: ogni delocalizzazione sconfitta per lo Stato

Red/Cro/Bla

Roma, 10 gen. (askanews) - "Ogni delocalizzazione è una sconfitta dello Stato e di tutti noi, indipendentemente dal colore politico, lo è ancora di più se l'azienda in questione, in questo caso la Martor di Brandizzo dell'indotto FCA, non delocalizza a causa della crisi economica ma per ragioni di possibile maggior profitto. Adriano Olivetti ha insegnato, proprio partendo da quel territorio straordinario, ai politici e agli imprenditori italiani cosa dovrebbe essere un'azienda con responsabilità sociale. Credo che sarebbe utile rispolverare ancora oggi quell'insegnamento". Così il ministro per gli Affari Regionali e le autonomie, Francesco Boccia, in un'intervista a L'Aria che Tira, su La7 in collegamento con i lavoratori della Martor.

"Sottoporrò il caso dei lavoratori Martor al ministro Patuanelli, che sarà già informato attraverso i suoi uffici, perché se l'azienda ha fatto accordi per ristrutturazioni, ottenuto incentivi dicendo ai sindacati che avrebbero fatto determinate cose poi non realizzate, decidendo di delocalizzare, allora è evidente che stanno facendo una cosa scorretta", ha sottolineato.

(Segue)