Caso Metropol, difesa Savoini: "Audio inutilizzabile"

webinfo@adnkronos.com

Inutilizzabilità del file audio registrato il 18 ottobre scorso all'hotel Metropol di Mosca. E' questa la carta che l'avvocato Lara Pellegrini, difensore di Gianluca Savoini,indagato nell'inchiesta sui presunti fondi russi alla Lega, ha utilizzato davanti ai tre giudici del tribunale del Riesame di Milano a cui ha chiesto il dissequestro di computer e cellulari. "Abbiamo presentato una memoria di 20 pagine", spiega il legale all'Adnkronos. 

Dopo aver dribblato i giornalisti al termine dell'udienza durata circa mezz'ora, il difensore Pellegrini ha spiegato di aver "sollevato la questione di utilizzabilità dell'audio. Non essendo certa la provenienza del file audio non si può porre alla base di un provvedimento di sequestro". Se la captazione è illecita, e non si conosce in che modo e da chi è stata fatta a Mosca, allora non può legittimare un sequestro. 

"Ho fatto anche un rilievo relativo a un problema di traduzione della conversazione che i pm hanno depositato". L'accusa, nell'udienza a porte chiuse, ha insistito sulla legittimità del sequestro scattato lo scorso luglio. I giudici del Riesame hanno cinque giorni per decidere.