Caso Ong spagnola, Procuratore Palermo chiede processo per l'ex ministro dell'Interno

·1 minuto per la lettura
salvini processo open arms
salvini processo open arms

Il Procuratore capo di Palermo ha chiesto un processo per Matteo Salvini, accusato di sequestro di persona nel caso Open Arms. A differenza del caso Gregoretti per il quale la Procura di Catania non ritiene necessario procedere, i magistrati di Palermo hanno chiesto il rinvio a giudizio.

Salvini, chiesto processo per Open Arms

Francesco Lo Voi, Procuratore Capo di Palermo ha chiesto un processo per Matteo Salvini relativamente al caso Open Arms. Al termine della discussione avvenuta nell’aula bunker del carcere Ucciardone di Palermo, i magistrati hanno chiesto il rinvio a giudizio dell’ex ministro dell’Interno.

La prima a parlare è stata la Procuratrice aggiunta Marzia Sabella e in seguito il Pm Geri Ferrara. “Non vedremmo come in un caso come questo non si possa chiedere il rinvio a giudizio” ha ribadito il Procuratore Lo Voi.

Ricordiamo che il leader della Lega è accusato di sequestro di persona e rifiuto di atti di ufficio. Inoltre Salvini è accusato di aver trattenuto “illecitamente” ben 147 migranti a bordo della ong spagnola. Se per il caso Gregoretti la Procura di Catania ha deciso di non procedere oltre, in questo caso la Procura di Palermo vuole fare più luce.

Le dichiarazioni di Salvini

Al termine della discussione in tribunale, il leader del Carroccio ha così dichiarato: “Il tempo è galantuomo, mi spiace solo per il costo che la cittadinanza italiana sopporta per questi processi e per il tempo che faccio perdere alla magistratura. Ringrazio le forze dell’ordine impegnate in questo sabato e penso e spero che non vengano impegnate per i mesi a venire visto che a Palermo e in Italia ci sono altri problemi di sicurezza e processi su reati veri“.