Caso Pipitone, gli sviluppi sul caso a Canale 5

·1 minuto per la lettura
Denise Pipitone Garofalo
Denise Pipitone Garofalo

Si avvicina ormai l’atteso faccia a faccia tra il legale della madre di Denise Pipitone Giacomo Frazzitta e la televisione russa che dovrebbe finalmente saper chiarire se Olesya Rostova possa essere effetivamente la piccola Denise scomparsa ormai il primo settembre del 2004 da Mazara del Vallo.

In collegamento con Barbara d’Urso, il generale Luciano Garofalo ha messo in evidenza allo stato attuale della situazione sia necessario fare un confronto tra il DNA di Olesya e quello di Denise. “È stato prelevato il Dna di Olesya per un’altra famiglia russa. Noi abbiamo il Dna di Denise, basta un confronto”, le parole dell’ex comandante del Ris di Parma.

Luciano Garofalo in collegamento dalla D’Urso

“Non condivido questa lotteria che si fa sul Dna di Denise. C’è un equivoco che va chiarito, non vedo la necessità di confrontare il gruppo sanguigno”, a dirlo l’ex comandante del Ris di Parma Luciano Garofalo che in collegamento con Barbara d’Urso ha analizzato alcune criticità legate al presunto ritrovamento di Denise Pipitone in Russia.

Ad intervenire in studio anche Salvatore Musìo, consulente giudiziario che ha fatto un’attenta analisi dei padiglioni auricolari della piccola Denise e della giovane russa: “I padiglioni auricolari danno molti dettagli. In questo caso, la morfologia è decisamente diversa. Anche il padiglione auricolare sinistro differisce dal punto di vista della forma”.