Caso Pipitone: "Sappiamo una cosa che non possiamo ancora raccontare fino in fondo"

·1 minuto per la lettura
Denise Pipitone investigatore
Denise Pipitone investigatore

Emergono nuovi elementi sul caso di Denise Pipitone: il conduttore della trasmissione Ore 14 Milo Infante, dopo aver parlato dei giornalisti denunciati per violenza privata da alcuni cittadini mazaresi, ha affermto che un investigatore “dirà delle cose di Piera Maggio che quando le abbiamo sentite abbiamo fatto un salto sulla sedia“.

GUARDA ANCHE - Denise Pipitone rivelazione shock dell’ex Pm: "È viva. Ha un marito e una figlia"

Denise Pipitone: investigatore su Piera Maggio

Il presentatore ha infatti spiegato di essere a conoscenza di una cosa che non è possibile raccontare fino in fondo ma che sarà uno dei punti fondamentali dell’inchiesta della commissione vigilanza. A distanza di 17 anni, ha continuato, un investigatore ha parlato della madre della bimba scomparsa in modi inediti.

Denise Pipitone, investigatore su Piera Maggio: la commissione d’inchiesta

Sempre in relazione a Piera, Infante ha poi preso le sue difese parlando di una campagna denigratoria che l’ha designata come pessima madre facendo riferimento alla commissione d’inchiesta parlamentare. Alessia Morani, parlamentare del Pd in videocollegamento che ha promosso l’iter per la sua istituzione, ha spiegato che le formalità si sono esaurite ieri e “ora chiederemo al presidente della commissione Giustizia della Camera un provvedimento d’urgenza“. La commissione servirà a fare chiarezza su come sono state fattele indagini.

La Morani si è infine espressa sul lungo e duro sfogo di Piera Maggio che ha deciso di diffidare Quarto Grado riservandosi di querelare autori e trasmissione. “Nessuno di noi può neanche lontanamente immaginare cosa prova questa mamma da 17 anni. Ci sono limiti invalicabili, nel suo caso sono stati oltrepassati molto“.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli