Caso Procure, Ermini: gravissima lesione legittimazione toghe

Sav

Roma, 1 feb. (askanews) - "L'anno appena terminato è stato caratterizzato dalle vicende, dolorosissime per il Consiglio Superiore, venute alla luce nel corso di indagini condotte dalla Procura di Perugia. Queste indagini hanno disvelato un agire prepotente, arrogante e occulto, tendente ad orientare inchieste, influenzare le decisioni del CSM e screditare altri magistrati". Così il vicepresidente del Csm David Ermini all'apertura dell'anno giudiziario a Perugia.

"Durissimo è stato il colpo al prestigio, alla credibilità e alla autorevolezza del Consiglio e dell'intero ordine giudiziario. Gravissima - ha ribadito - la lesione della legittimazione dell'uno e dell'altro agli occhi dei cittadini. Nondimeno, oggi, a distanza di alcuni mesi da quelle drammatiche settimane e guardando al lavoro nel frattempo compiuto, sono lieto di potere affermare che l'istituzione, non solo ha trovato la forza per continuare a svolgere le sue funzioni con assoluta regolarità, ma è riuscita a conseguire risultati importanti sia nel dialogo virtuoso con le altre figure istituzionali, sia nella 'amministrazione della giurisdizione'", ha concluso.