"Caso ridicolo montato sull'ignoranza del mondo accademico: il visiting researcher non appare nei registri". Parla l'allievo di Giuseppe Conte

Claudio Paudice
Una polemica "ridicola" montata per "pura ignoranza" del funzionamento e delle

Una polemica "ridicola" montata per "pura ignoranza" del funzionamento e delle posizioni del mondo accademico, quali visiting researcher. La pensa così Ettore Lombardi: lui è ricercatore di Diritto privato all'Università di Firenze ma soprattutto è ''allievo" di Giuseppe Conte, il giurista scelto da Movimento 5 Stelle e Lega come premier del Governo giallo-verde. Le polemiche nate intorno al curriculum dell'insegnante di Diritto all'Università di Firenze sono ormai note: nella sua biografia sono riportate esperienze di "perfezionamento" dei suoi studi giuridici presso diverse università straniere, come la New York University, Cambridge, Sorbonne. La portavoce dell'istituto newyorchese ha fatto sapere al New York Times che di Conte non c'è traccia né come professore, né come ricercatore, né come studente. Successivamente sono stati avanzati dubbi anche su altre esperienze inserite nel Cv dal prescelto premier. Ma secondo Lombardi, che ha seguito Conte nei suoi studi anche a New York in due occasioni, nelle estati del 2009 e del 2012, è solo una "speculazione" nata dalla "non conoscenza del mondo accademico".

Dottor Lombardi, il professor Conte è finito al centro di una polemica per via del suo curriculum secondo molti "taroccato". È così?

Si è formata una bolla mediatica ridicola. Il professor Conte non ha mai millantato un titolo conseguito alla NYU o una posizione maturata al suo interno. Si è limitato a dire che ha svolto o meglio 'perfezionato' la sua attività di ricerca. 'Perfezionamento' è una attività di studio che viene condotta all'interno di un istituto sulla base di una autorizzazione d'accesso alla library. La posizione è quella del visiting scholar o del visiting researcher. Posizione che non c'entra nulla con quella del visiting professor, il professore straniero che viene chiamato in una università per dare lezioni. Non è questo il caso ma quello di una persona autorizzata a svolgere autorità di ricerca presso la...

Continua a leggere su HuffPost