Caso Saguto: motivazioni giudici, 'con Cappellano dal 2010 un sinallagma corruttivo'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Palermo, 16 apr. (Adnkronos) – "Già dalla fine del 2010 tra Silvana Saguto e Gaetano Cappellano Seminara era in atto il sinallagma corruttivo, nell'ambito del quale gli incarichi di Cappellano Seminara venivano compensati con le utilità consistite nelle nomine e nella retribuzione indebita di Lorenzo Caramma", marito della ex giudice Saguto. Lo scrivono i giudici del Tribunale di Caltanissetta nelle motivazioni della sentenza di condanna della ex presidente misure di prevenzione di Palermo, condannata a 8 anni e mezzo per corruzione e abuso di ufficio. Secondo i giudici "Saguto aveva completamente rinunciato alle sue prerogative ed era propensa ad adottare ogni provvedimento, tipico o meno, che potesse avvantaggiare Gaetano Cappellano Seminara", l'avvocato ritenuto il 're degli amministratori giudiziari', condannato a sette anni e mezzo.