Caso Saguto: motivazioni giudici, 'soldi in trolley, patto corruttivo permanente'/Adnkronos (2)

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

(Adnkronos) – I magistrati parlano di "un quadro di desolante strumentalizzazione della funzione giurisdizionale a favore di una gestione privatistica" e di un "sistema clientelare di assegnazione degli incarichi di amministratore giudiziario". "Un patto corruttivo di scambio di reciproche utilità tra i concorrenti, senza che mai si possa individuare l'appartenenza ad un gruppo stabile e strutturato", dice il Presidente Andrea Catalano. Un continuo scambio di favori e soldi tra Silvana Saguto e l'avvocato Gaetano Cappellano Seminara, condannato a 7 anni e sei mesi. Saguto, nella qualità di giudice delegato, "ne avallava le scelte gestorie, autorizzandone comunque le istanze, spesso sotto la sua dettatura, e depositava decreti con i quali liquidava" decine di migliaia di euro.

I giudici parlano anche della vicenda del trolley contenente una somma ingente e che è stata uno dei perni del processo all'ex Presidente della Sezione misure di prevenzione Silvana Saguto. Una consegna di denaro, circa 20 mila euro, nascosti in un trolley, che sarebbe avvenuta in una calda serata di inizio estate, nell'abitazione della ex giudice, nel frattempo radiata dall'ordine giudiziario. E adesso, i giudici del Tribunale di Caltanissetta, nelle motivazioni depositate in cancelleria, confermano la ricostruzione dell'accusa. Secondo la ricostruzione dei pm Maurizio Bonaccorso e Claudia Pasciuti, l'avvocato Cappellano Seminara il 30 giugno del 2015 avrebbe consegnato direttamente a casa, dentro una valigetta la somma di 20 mila euro.