Caso Saguto: motivazioni giudici, 'soldi in trolley, patto corruttivo permanente'/Adnkronos (4)

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

(Adnkronos) – "Non può revocarsi in dubbio, quindi – dicono i giudici – che nelle conversazioni l'allusione al fatto che dovesse arrivare qualcosa conteneva il riferimento al denaro". Secondo i giudici i soldi, nelle conversazioni, erano indicati come "documenti". E in un'altra conversazione, del 23 giugno 2015, Cappellano fa visita alla Saguto in Tribunale e le diceva, scrivono i giudici, che "la documentazione era pronta", ma che "doveva solo andarla a ritirare" e le proponeva di consegnargliela sabato". Ma Saguto doveva recarsi a Siracusa e quindi "i due restavano d'accordo che Cappellano avrebbe consegnato 'i documenti' a suo marito" Lorenzo Caramma. "Il 30 giugno 2015 Cappellano andava effettivamente a casa della Saguto – scrivono i giudici – come risulta dall'attività di indagine espletata". E l'indagine bancaria "ha consentito di accertare che sul conto corrente della Saguto e del marito venivano effettuati tra versamenti in contanti l'1, il 2 e il 7 luglio, rispettivamente di tremila, duemila e tremila euro, ossia per un importo totale di 8.000 euro", si legge nelle motivazioni.

I giudici dicono ancora che "già dalla fine del 2010 tra Silvana Saguto e Gaetano Cappellano Seminara era in atto il sinallagma corruttivo, nell'ambito del quale gli incarichi di Cappellano Seminara venivano compensati con le utilità consistite nelle nomine e nella retribuzione indebita di Lorenzo Caramma", marito della ex giudice Saguto. Lo scrivono i giudici del Tribunale di Caltanissetta nelle motivazioni della sentenza di condanna della ex presidente misure di prevenzione di Palermo, condannata a 8 anni e mezzo per corruzione e abuso di ufficio.