Caso Scieri, pg militare chiede atti a Pisa: nostra... -2-

Nav

Roma, 10 ott. (askanews) - In base all'articolo 195 del codice militare il soldato "che usa violenza contro un inferiore, è punito con la reclusione militare da uno a tre anni. Se la violenza consiste nell'omicidio volontario, consumato o tentato, nell'omicidio preterintenzionale, ovvero in una lesione personale grave o gravissima, si applicano le corrispondenti pene stabilite dal codice penale. La pena detentiva temporanea può essere aumentata".

Il dato viene sottolineato in merito alla vicenda dell'allievo paracadutista Emanuele Scieri, il cui corpo senza vita fu trovato il 16 agosto del 1999 all'interno della caserma "Gamerra" di Pisa, sede del Centro Addestramento Paracadutisti - Brigata Folgore. Il decesso del giovane militare è avvenuto presumibilmente nella notte tra il 13 e il 14 agosto.

Il 24 settembre scorso si era registrata l'avocazione delle indagini da parte della Procura Generale Militare della Repubblica di Roma in ordine al reato militare di violenza con omicidio contro inferiori in grado.