Caso Siragusa, consegnato il filmato mentre viene bruciata viva

·2 minuto per la lettura
Roberta Siracusa: il video di quando è stata bruciata viva
Roberta Siracusa: il video di quando è stata bruciata viva

Un video, un semplice video, ma che mostra quelli che sono stati gli ultimi istanti di vita di Roberta Siragusa, la ragazza 18enne bruciata viva a gennaio scorso. Tale video è stato depositato nell’incidente probatorio in corso davanti al gip di Termini Imerese. Ricordiamo che l’imputato dell’omicidio aggravato e dell’occultamento di cadavere è l’ex fidanzato della vittima, Pietro Morreale, che avrebbe in primo momento colpito la giovane, successivamente le avrebbe dato fuoco mentre era ancora viva e infine ne avrebbe gettato il corpo in un dirupo.

Omicidio Roberta Siragusa, un video ritrae un uomo darle fuoco mentre è ancora viva

Dall’immagini, così come era pure emerso dall’autopsia, le cause della morte della 18enne sono dovute alle lesioni provocate dalle bruciature. Nle video si vede la fanciulla essere agonizzante mentre l’uomo le dava fuoco. Roberta avrebbe avuto una agonia di circa 2-5 minuti. Lo stesso consulente tecnico d’ufficio ha spiegato che:

Il decesso di Roberta è stata causato da un arresto cardio-circolatorio e respiratorio conseguente al gravissimo stato di shock causato dalle estese e gravissime ustioni del capo e soprattutto del tronco e degli arti superiori, fino alla carbonizzazione di ampie parti della superficie corporea”.

Omicidio Roberta Siragusa, un video ritrae un uomo darle fuoco: la difesa dell’ex fidanzato

Per quanto concerne Pietro Morreale attualmente si trova in carcere: l’ex fidanzato della vittima si è sempre difeso, sostenendo che Roberta si è suicidata dandosi fuoco, a seguito di un’accesa discussione. Tanto è vero che a portare i carabinieri sul luogo del delitto è stato proprio Pietro. Ipotesi quella del suicidio ormai esclusa.

Omicidio Roberta Siragusa, un video ritrae un uomo darle fuoco: le parole dei legali della famiglia della vittima

Il video che è stato da poco depositato contiene immagini che sono state girate dalle videocamere di un bar che si trova nelle vicinanze del campo sportivo del paese del Palermitano: da esso si vede chiaramente il corpo di Roberta prendere fuoco, mentre l’uomo che stava lì vicino si allontana e sale in macchina, spostandosi sì di poco, ma continuando a tenere d’occhio il corpo che bruciava.

I legali della famiglia di Roberta si sono espressi in merito dicendo che:

Sono state immagini forti, mostrate alla presenza dei genitori e del fratello di Roberta, sempre presenti in aula. Si è trattato di un video che ha spiazzato tutti i presenti e che dimostra in modo inconfutabile che Roberta è stata uccisa al campo sportivo, caricata in auto e gettata nel dirupo vicino al monte San Calogero. Ormai il gravissimo quadro indiziario a carico dell’indagato si è trasformato in un quadro probatorio gravissimo, che a nostro giudizio, non consente di potere formulare ipotesi investigative diverse”.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli