Caso tamponi Lazio, 12 mesi di inibizione per Lotito e multa per la società

webinfo@adnkronos.com (Web Info)
·1 minuto per la lettura

Dodici mesi di inibizione per il presidente della Lazio Claudio Lotito e una multa da 200mila euro per la società. La Corte Federale d’Appello, riunita oggi a Roma per esaminare il caso tamponi legato alla Lazio, ha accolto in parte il reclamo proposto dalla Procura Federale. Respinto invece il reclamo proposto dalla Lazio, da Claudio Lotito, Ivo Pulcini e Fabio Rodia.

"Siamo sorpresi, aspettiamo di leggere le motivazioni però se la Corte ha deciso così ci spiegherà, e se non saremo d'accordo procederemo davanti al giudice superiore", dice l'avvocato della Lazio, Gian Michele Gentile, all'Adnkronos.

"Dopo questi 12 mesi di inibizione Lotito decade da tutti gli incarichi federali e ci sarà l'impossibilità di essere eletti in futuro? No, è bene fare attenzione a quanto si dice. Per farlo decadere ci deve essere una sentenza definitiva che confermi questi mesi, ovvero quella del collegio di garanzia del Coni. Fino a che non ci sarà questa pronuncia, rimane al suo posto", chiarisce Gentile.