Caso Ucraina, funzionario Usa non si presenta per testimoniare

A24/Pca

New York, 7 ott. (askanews) - George Kent, funzionario del dipartimento di Stato, non si è presentato per deporre di fronte a tre commissioni della Camera statunitense, che avevano programmato per oggi la sua testimonianza sulla telefonata tra il presidente Donald Trump e il suo omologo ucraino, Volodymyr Zelensky, al centro delle indagini per il possibile impeachment del capo di Stato statunitense, accusato di aver fatto pressioni per l'apertura di un'indagine sull'ex vicepresidente Joe Biden.

Una fonte del Washington Post ha detto che "i democratici avevano programmato la deposizione per oggi, ma la sua presenza non è stata confermata". Domani sarebbe in programma la testimonianza di Gordon Sondland, ambasciatore statunitense per l'Unione europea, e venerdì quella di Marie Yovanovic, ex ambasciatrice statunitense in Ucraina.

La scorsa settimana, il segretario di Stato americano, Mike Pompeo, ha accusato i democratici di "bullizzare" i funzionari del dipartimento di Stato, informando che le deposizioni programmate alla Camera "non sono fattibili". In una lettera inviata al presidente della commissione Esteri della Camera, Eliot Engel, Pompeo ha scritto che userà "tutti i mezzi a sua disposizione" per impedire quella che ha definito "un'intimidazione" nei confronti di funzionari governativi.