Cassazione: confermato divieto ‘recupero consenso’ dati clienti

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 26 apr. (Adnkronos) – "Una comunicazione telefonica finalizzata ad ottenere il consenso per fini di marketing, da chi l’abbia precedentemente negato, è essa stessa una ‘comunicazione commerciale’". Lo scrivono i giudici della Prima sezione civile della Cassazione che hanno confermato il divieto del Garante della Privacy nei confronti della campagna ‘recupero consenso’ realizzata da Telecom attraverso l’utilizzo dei dati personali di clienti che avevano già “espressamente negato il consenso ad essere contattati telefonicamente per finalità promozionali”.

“La finalità della chiamata telefonica – sottolineano i supremi giudici – è in effetti pur sempre quella di effettuare proposte commerciali” e “il trattamento dei dati dell’interessato per richiedere il consenso per fini di marketing è esso stesso un trattamento per finalità di marketing”.