La Cassazione dice no ai domiciliari per Giovanni Brusca

Giovanni Brusca resta in carcere. La prima sezione penale della Cassazione, al termine della camera di consiglio di oggi, ha rigettato il ricorso presentato dalla difesa del boss di Cosa Nostra, che chiedeva la detenzione domiciliare. L'uomo si è attribuito 150 omicidi, tra cui quello di Giuseppe Di Matteo, 13 anni, strangolato e sciolto nell'acido. Anche la procura generale aveva chiesto che Brusca restasse all'interno di Rebibbia.

LEGGI ANCHE: Fratello bimbo sciolto nell'acido: "Brusca non ha mai chiesto scusa"

Con il suo ricorso, la difesa di Brusca aveva impugnato la decisione del tribunale di sorveglianza di Roma che, il 12 marzo scorso, aveva respinto l'istanza dei domiciliari. Brusca, dunque, resta recluso nel carcere romano: la sua pena termina nel 2022, ma già alla fine del 2021, per effetto dei benefici penitenziari, potrebbe essere definitivamente libero. Entro un mese saranno rese note le motivazioni della Cassazione.

GUARDA ANCHE - La pista americana su Capaci e le risposte che mancano dai processi