Castelnuovo Cilento, ex consigliere comunale scambiato per un cinghiale e ucciso da un cacciatore

Foto generica di una fucile
Foto generica di una fucile

Castelnuovo Cilento, un piccolo paese vicino Vallo della Lucania, in provincia di Salerno, piange l’ex consigliere comunale che è stato scambiato per un cinghiale ed ucciso durante una battuta di caccia.

Ex consigliere comunale scambiato per un cinghiale e ucciso da un cacciatore a colpi di fucile

La vittima si chiamava Giuseppe Lambiase ed aveva 70 anni. Era stato al consiglio comunale di Castelnuovo Cilento ed era un cacciatore. Durante una battuta di caccia al cinghiale con altri cacciatori, l’uomo è stato sparato da alcuni colpi di fucile. A premere il grilletto è stato un uomo che ha confuso i suoi movimenti per quelli di un cinghiale. Per Lambiase non c’è stato nulla da fare e nonostante l’arrivo dei soccorsi è deceduto in ospedale poco dopo essere stato sparato.

Le indagini e il ricordo del sindaco di Castelnuovo Cilento

Sulla vicenda indaga la procura che ha sequestrato l’arma ed ha interrogato gli altri cacciatori che hanno provato a ricostruire la dinamica del tragico incidente. Intanto su Facebook Eros Lamaida, primo cittadino di Castelnuovo Cilento, ha espresso il suo cordoglio con un post:

“La Comunità di Castelnuovo Cilento vive in queste ore un lutto profondo ed immenso per l’improvvisa e tragica perdita di Giuseppe Lambiase, un uomo perbene, umile , generoso , impegnato nel sociale e amico di tutti. Un grande lavoratore con la famiglia, sempre, nel cuore, unico suo faro, unica sua ragione di vita. Quella famiglia che ha amato, ama e continuerà ad amare. Per l’eternità. È una perdita immensa per Castelnuovo Cilento. A nome del nostro Comune e mio personale, desidero esprimere il più sincero e profondo cordoglio per la sua scomparsa alla sua sposa , ai suoi figli e a tutti i suoi affetti più cari.”