A Castelporziano la festa dell’educazione alimentare nelle scuole

·2 minuto per la lettura
featured 1378906
featured 1378906

Roma, 11 giu. (askanews) – Centinaia di bambini arrivati da tutta Italia hanno animato la Tenuta presidenziale di Castelporziano per la prima Festa dell’educazione alimentare nelle scuole con la quale, simbolicamente, si è riaperta la stagione dei campi estivi nelle fattorie.

Frutto di un accordo tra il Ministero dell’Istruzione e la Coldiretti, il progetto consiste in fitto percorso didattico sui valori della sana alimentazione, della tutela dell’ambiente e dello sviluppo sostenibile. In concreto, sul legame che unisce i prodotti dell’agricoltura con i cibi che arrivano sulle nostre tavole. Imparando all’aria aperta.

Il Capo dello Stato Sergio Mattarella ha accolto con calore i bambini e ringraziandoli per incarnare così bene le speranze per il futuro riposte in loro ha sottolineato che questa non è soltanto una giornata di festa: “Ma è un’occasione per sottolineare quanto sia importante per il futuro, ripeto, e per la nostra vita, un impegno adeguato, concreto e di grande riflessione sull’educazione alimentare”.

Particolarmente soddisfatto il presidente di Coldiretti Ettore Prandini, che ha assicurato che il progetto sull’educazione alimentare nelle scuole resterà cruciale nella visione e nel lavoro dell’associazione: “E’ una giornata straordinaria, poter festeggiare la prima festa dell’educazione alimentare a livello nazionale a Castelporziano alla presenza del presidente della Repubblica è un qualcosa che esalta il lavoro che Coldiretti ha iniziato a fare da vent’anni sul tema della biodiversità, della conoscenza, della valorizzazione del rapporto con il cittadino consumatore. Oggi Coldiretti guarda ai bambini. I bambini di oggi sono i consumatori di domani: creando e dando loro consapevolezza informazioni puntuali su quelli che sono gli stili di vita. Per noi la difesa della dieta mediterranea vuol dire creare le condizioni per le quali i nostri bambini possono vivere in modo più sicuro e garantendo loro una crescita adeguata rispetto a quelli che sono gli stili di vita che ci sono oggi: alimentazione, sport e soprattutto una vita sana”.