De Castro: approvare rapidamente biotcnologie in agricoltura

Red
·2 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 13 apr. (askanews) - "Sono giorni decisivi per il futuro delle nuove biotecnologie in agricoltura. Entro il prossimo 30 aprile, la Commissione europea presenterà infatti uno studio sullo status delle nuove tecniche di miglioramento varietale all'interno del quadro giuridico dell'Unione. Ci auguriamo che questo studio chiarisca i dubbi lasciati dalla sentenza della Corte di Giustizia Ue nella famosa sentenza del 2018 che non effettua una distinzione netta fra transgenesi, con lo spostamento di geni da una specie all'altra, e mutagenesi, che al contrario non fa altro che intervenire all'interno del patrimonio genetico di una pianta, accelerando processi che avverrebbero anche in natura". Così Paolo De Castro, coordinatore S&D alla commissione Agricoltura del Parlamento europeo, in un confronto web, organizzato oggi dalla piattaforma AgriProgress con esperti e ricercatori, ha voluto riaccendere i riflettori su una questione dirimente che si trascina da anni.

Per De Castro "un chiarimento di questa differenza fondamentale, aprirebbe ai nostri agricoltori un'ulteriore possibilità nella transizione verso sistemi produttivi sempre più sostenibili. Se infatti vogliamo essere seri in merito agli ambiziosi obiettivi del Green Deal e delle Strategie Farm-to-Fork e Biodiversità, senza dissipare il potenziale produttivo europeo, dobbiamo offrire ai nostri agricoltori valide alternative all'utilizzo di fitofarmaci, di fertilizzanti e di altri input produttivi: queste alternative non possono prescindere dalla innovazione tecnologica, in tutte le sue declinazioni, che vanno dall'agricoltura di precisione, alla nuova biotecnologia sostenibile".

"Ci auguriamo - conclude De Castro - sia solo il primo passo di un continuo confronto tecnico-scientifico tra responsabili decisionali e stakeholder, che porti a una nuova normativa specifica sulle biotecnologie sostenibili, che tenga in considerazione la differenza fondamentale rispetto agli Ogm tradizionali. Solo in questo modo le ambizioni dell'Unione sul fronte climatico, ambientale e nella produzione di cibo sano potranno essere realizzate".