Catania, padre umilia il figlio in spiaggia: troppo effeminato

bambino 7 anni

Ennesimo caso di omofobia, questa volta vicino Catania, a Mascali. Un padre avrebbe aggredito verbalmente il figlio di 7 anni perché “troppo effeminato“. A raccontare l’episodio la giornalista Silvana Grasso che ha assistito, scioccata, alla scena.

Padre omofobo

L’omofobia sembra non avere confini: l’ultimo dei tanti episodi che ogni giorno continuano a registrarsi, sarebbe avvenuto in una piccola spiaggia libera di Mascali, in provincia di Catania. Un padre di famiglia sui 30 anni avrebbe aggredito e umiliato verbalmente il figlio di soli 7 poiché “troppo effemminato”. A raccontare l’accaduto la giornalista Silvana Grasso, che ha assistito personalmente alla scena, trovandosi proprio nel tratto di spiaggia dove si sono verificati gli eventi. “Il tipo, sui trent’anni, era alterato. Senza ritegno minacciava, umiliava, insultava, sviliva il secondo dei suoi due bimbi maschi, un bambino magro sui 7 anni, bellissimo, ma con occhi tristi… Intanto il fratello più grande si tuffava spavaldo con aria da spaccone. Non appagato, il padre lo spinse a terra. Poteva farsi male. Frugando nel suo costumino, il padre gli chiedeva se fosse maschio o femmina. Masculu sì o fimmina? La madre, una ragazzotta sui 25 anni taceva ignorante o forse solo terrorizzata.” Questo quanto riportato dalla giornalista in un quotidiano locale, che chiede “un vero coordinamento regionale Arcigay Sicilia che si faccia portavoce di una legge contro l’omobitransfobia regionale”.

Episodi simili

L’episodio ricorda da vicino quanto accaduto in Inghilterra, a Preston, dove un ragazzo – Ryan Williams, è stato picchiato e preso a pugni dopo essere uscito da un Mc Donald accompagnato dai suoi amici. Lì un gruppo di ragazzi si sarebbe scagliato sul giovane, aggredendolo selvaggiamente poiché omosessuale.