Catanzaro, morto vescovo emerito Cantisani. Pittella: "Testimone di fede e progresso"

·1 minuto per la lettura

"Oggi si spegne un grande lauriota ma soprattutto un grande pastore e testimone di fede e di progresso, il vescovo emerito Antonio Cantisani. Ne ho un vivido ricordo familiare, data l'amicizia con mio padre, poi ereditata da me. Soprattutto ne ho un ricordo spirituale e morale, la sua parola sulla povertà della Chiesa, sul sostegno agli ultimi, cittadini o migranti. Come scrisse una volta, Chiesa povera significa Chiesa libera, senza compromessi col potere, al servizio di chi non ha voce. Il suo insegnamento, per me credente ma fiero laico, resterà per sempre e così nell'animo dei lucani e dei calabresi e di quanti l'hanno conosciuto". Così su Facebook Gianni Pittella.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli