Caterina da Cremona, storia e identità della musa di Leonardo

·3 minuto per la lettura
Matilda De Angelis
Matilda De Angelis

La nuova fiction Rai incentrata sulla figura di Leonardo Da Vinci è in onda su Rai 1, in prima serata, ogni martedì, a partire dal 23 marzo. La serie è incentrata su due figure principali: quella di Leonardo, per l’appunto, e quella di Caterina da Cremona, vero fulcro della storia. Proprio la centralità conferita al personaggio di Caterina da Cremona, interpretata da Matilda De Angelis, ha portato i telespettatori a interrogarsi circa la reale identità e la storia autentica della donna.

Caterina da Cremona, storia e identità della musa di Leonardo

Il personaggio di Caterina da Cremona, inserito nella fiction Rai, è cruciale ai fini dello svolgimento della trama in quanto gli eventi gravitano intorno al giallo della sua morte, avvenuta per omicidio, e della quale è stato accusato proprio Leonardo Da Vinci.

La donna, inoltre, rappresenta una sorta di “primo amore” per il celebre artista, sentimento che si converte poi in un forte legame di amicizia. Caterina da Cremona, inoltre, da amica si trasforma ben presto in una Musa ispiratrice attraverso la quale il Genio riesce a formulare un nuovo concetto di arte che caratterizzerà tutte le sue opere. Inoltre, la giovane ricoprirà anche il ruolo di salvatrice per l’artista, sciogliendo i noti più critici della sua vita e diventando un pilastro fondamentale nell’esistenza di Leonardo.

Tuttavia, nonostante le fortissime connotazioni incarnate dal personaggio di Matilda De Angelis e la centralità attribuitogli nella serie, Caterina da Cremona è in realtà una figura inventata dagli autori dello show.

Le dichiarazioni di Luca Barnabei e Matilda De Angelis

Per creare Caterina da Cremona, gli autori della fiction Rai dedicata a Leonardo si sono ispirati a una modella che, sulla base delle notizie giunte sino al nuovo secolo, era molto più cara a Leonardo di tutte le altre che posavano per lui. A proposito della modella in questione, tuttavia, non sono pervenute informazioni circa la sua storia, il suo carattere, il rapporto che la legava all’artista o, addirittura, il suo nome.

A proposito della figura di Caterina da Cremona, si è espresso il produttore della Lux Vide, Luca Barnabei, che ha spiegato: “La storia di Caterina da Cremona è vera perché ci sono dei contratti in cui Leonardo la chiedeva come modella. Noi abbiamo pensato che lei fosse la sua musa ispiratrice e abbiamo intessuto nella trama vera alcuni elementi di finzione”.

Il personaggio è stato commentato anche dalla sua interprete, Matilda De Angelis, che ha raccontato come si sia preparata a dare vita alla Musa di Leonardo: “I riferimenti me li ha dati una sceneggiatura solida. Caterina è un personaggio di finzione ma forte, racchiude in sé tanti aspetti del femminile emblematici nella vita di Leonardo. È una donna determinata, assolutamente indipendente, che quando conosce Leonardo ne riconosce il genio ma non si lascia schiacciare, anzi diventa la sua musa, la sua migliore amica, la sua consigliera, una madre, in tutto e per tutto la sua controparte pratica che lo riporta sempre alla realtà”.

Infine, per Caterina da Cremona, gli autori hanno deciso di ispirarsi ad alcuni bozzetti realizzati da Leonardo Da Vinci, nomi come “La scapigliata”.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli