Cattolici e politica, un convegno su passato e presente

Cro/Ska

Roma, 4 dic. (askanews) - A cento anni dall'appello di don Luigi Sturzo cosa resta del partito popolare e del cattolicesimo democratico oggi? Da questo si è partiti nell'incontro 'Cattolici e Politica, idee ricostruttive per la democrazia nel nostro Paese', organizzato dall'Intergruppo parlamentare 'La Cura della Casa Comune' in sala stampa alla Camera.

Si è parlato del concetto di sviluppo integrale visto in maniera più ampia rispetto alla semplice crescita economica, rivolgendosi alla promozione del benessere umano visto come benessere sociale, culturale ed economico nella sua interezza. Hanno partecipato all'evento l'avv. Ciro Cafiero, membro della Scuola di Alta Formazione Politica 'Comunità di connessioni', il professore Stefano Zamagni, presidente della Ponteficia Accademia delle scienze umane e il vescovo di Faenza, il mons. Mario Toso che ha presentato il suo nuovo libro dal titolo 'Cattolici e Politica: in un tempo di cambiamento epocale'. Nel libro si racconta dell'importante contributo che i cattolici hanno fornito nella costruzione della nostra Repubblica e il valido apporto che hanno dato nella fase di ricostruzione del nostro Paese dopo la seconda guerra mondiale.

Inoltre mons. Toso ha voluto indicare una prospettiva di impegno dei cattolici nella dialettica politica odierna invasa da un'imbarbarimento generale e da pochi contenuti etici e culturali.

"In una società come quella odierna caratterizzata dal leaderismo estremo che tende a precludere gli interessi per il bene comune occorre orientare la visione politica verso un altro modello di società più democratica che ponga al centro lo sviluppo l'uomo", ha spiegato a margine della conferenza l'On. dei 5Stelle, Gianluca Rospi, promotore dell'intergruppo parlamentare.

Della stessa idea il deputato di Forza Italia, Diego Sozzani che ha poi aggiunto: "è importante, se non fondamentale, che si ritorni ad un concetto di politica rivolto al bene del popolo e non solo a livello economico ma anche a livello socio-culturale".