Catturato in Francia pericoloso killer della mafia balcanica -2-

Red/Gtu

Roma, 24 ago. (askanews) - L'operazione - spiega la polizia - è scattata quando l'Enfast Team serbo ha attivato quello italiano, composto da poliziotti, carabinieri e finanzieri del Servizio di cooperazione internazionale di polizia della Direzione centrale della polizia criminale, segnalando che i familiari del latitante (la madre, la sorella e la moglie con due gemellini di pochi mesi) avrebbero fatto rientro in Serbia con un volo in partenza da Milano Malpensa proprio il 23 agosto.

Gli investigatori italiani hanno subito ricostruito gli spostamenti del nucleo familiare, riuscendo a identificare il mezzo usato il 16 agosto all'arrivo in Italia nello stesso aeroporto milanese: un van con targa slovena. Cosi è stato immediatamente attivato l'Enfast Team sloveno. I poliziotti sloveni hanno ricostruito il percorso del van, preso a noleggio, fino alla destinazione finale in Francia, a Cannes. (Segue)