Catturato 'o lione, boss di camorra latitante dei monti Lattari

·1 minuto per la lettura

AGI - La polizia ha catturato a Gragnano Antonio Di Martino, 40 anni, ricercato dal 2018 per estorsione aggravata dal metodo mafioso. Antonio Di Martino, è soprannominato ''o lione', per la sua latitanza ha contato sull'appoggio di alcuni fedelissimi del clan egemone nei boschi dei Lattari, da tempo area in cui si trovano vaste piantagioni illegali di marijuana. Di Martino è descritto nelle inchieste della Dda di Napoli come un capo clan sanguinario pronto a tutto pur di fare rispettare la sua legge nel territorio di Gragnano e Pimonte.

Insieme al fratello Fabio, gestirebbe gli affari della famiglia, dalle estorsioni allo spaccio. E proprio sulla vendita di stupefacenti che si basa l'ultima ordinanza di custodia cautelare a suo carico. Di Martino avrebbe siglato un'alleanza con la potente cosca dei D'Alessandro di Scanzano. Un'alleanza sancita anche con un matrimonio tra Leonardo, figlio di "o' lione" e la figlia del boss Paolo Carolei. Per la Dda, Di Martino riforniva di marijuana la cosca stabiese che di fatto la rivendeva all'interno delle piazze di spaccio.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli