Causa del procuratore di Washington contro Amazon: "Tiene alti i prezzi"

·1 minuto per la lettura

AGI  - Il procuratore generale di Washington Dc, Karl Racine, ha intentato un'azione legale antitrust contro Amazon, accusando la società di pratiche tese a far aumentare i prezzi per i consumatori e di ridurre l'innovazione. Il titolo è in calo dello 0,16% a Wall Street.

Secondo l'ufficio del procuratore il colosso dell'e-commerce stipulerebbe contratti che impediscono ai venditori di terze parti sulla sua piattaforma di offrire i loro prodotti a prezzi più bassi su altre piattaforme. "Amazon ha sfruttato la sua posizione dominante nel mercato al dettaglio online per vincere a tutti i costi. Massimizza i suoi profitti a scapito di venditori e consumatori di terze parti, mentre danneggia la concorrenza, soffoca l'innovazione e inclina illegalmente il campo di gioco a suo favore", ha dichiarato Racine.

Amazon è nel mirino delle autorità americane da tempo e molti chiedono all'amministrazione di Joe Biden di presentare accuse antitrust contro la società. Anche gli altre big tecnologici, Facebook, Google e Apple, nell'ultimo anno sono stati sotto il controllo antitrust.Il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti ha citato in giudizio Google alla fine dell'anno scorso per presunte violazioni della legge antitrust, così come hanno fatto anche due gruppi di stati . Facebook è stato citato in giudizio dalla Federal Trade Commission e da un gruppo di stati.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli