Cavalieri Lavoro: gruppo lombardo compie 100 anni e si racconta con mostra inedita

default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Milano, 23 nov. (Adnkronos) – Il Gruppo Lombardo della Federazione Nazionale dei Cavalieri del Lavoro compie i suoi primi cento anni e, per la speciale ricorrenza, decide di raccontarsi al grande pubblico con una mostra temporanea inedita e assolutamente esclusiva. Intitolata “Wunderkammer. Le “Mirabilia” dei Cavalieri del Lavoro”, l’esposizione – che sarà visitabile gratuitamente domani giovedì 24 e venerdì 25 novembre presso ADI Design Museum di Milano – è una straordinaria collezione di oggetti di proprietà dei singoli Cavalieri del Lavoro lombardi e da loro selezionati per il profondo significato, e valore affettivo, di cui sono portavoce.

Il risultato è un viaggio senza confini di spazio e tempo che naviga nel mondo dell’impresa, della cultura, del design, dello sport, dei motori, e dello spettacolo. Un racconto assolutamente multidisciplinare che fotografa un “melting-pot” di esperienze e personalità differenti quanto eccezionali. Visitare la mostra è quasi come sfogliare un album di ricordi indelebili, così forti e belli da essere in grado di emozionare ancora chi li ha vissuti in prima persona ma anche sorprendere e “meravigliare” chi li ammira per la prima volta.

Un’autentica “Wunderkammer” basata su quell’essenziale e distintivo fil rouge che da sempre accomuna i Cavalieri del Lavoro del gruppo: la forza e il valore dell’avere, e saper coltivare, una passione. Passione per quello che si fa, per quello che si ama, e per quello che si desidera ottenere. Nel lavoro, in famiglia e con la comunità a cui si appartiene.

“Per me è un grande onore essere alla guida del Gruppo Lombardo, a maggior ragione in un momento così speciale in cui si celebrano i primi cento anni dalla sua fondazione. Traguardi come questo vanno assolutamente festeggiati” ha commentato il Presidente Giovanna Mazzocchi (in foto), spiegando come è nata l’idea della mostra “Ho pensato di realizzare qualcosa che rendesse i Cavalieri protagonisti della festa e, nello stesso tempo, lasciasse il segno alla nostra comunità. Penso non ci sia nulla di più autentico, divertente e coinvolgente di un racconto che parte dalle proprie passioni, e questa esposizione collettiva le raccoglie davvero tutte. Ci sono tanti ricordi che parlano di affetti personali e tramandano esperienze di vita, lavoro, famiglia anche stravaganti. Un modo per conoscerci e farci conoscere scommettendo ancora sulla voglia di meravigliare e meravigliarsi”.

Sono oltre settanta gli oggetti esposti a “Wunderkammer. Le “Mirabilia” dei Cavalieri del Lavoro” messi a disposizione dai Cavalieri del Lavoro Baldassare Agnelli, Alfredo Ambrosetti, Giuseppe Ambrosi, Renato Ancorotti, Ali Reza Arabnia, Paola Artioli, Alessandro Azzi, Francesco Baggi Sisini, Benito Benedini, Alberto Bombassei, Marco Bonometti, Aldo Bonomi, Domenico Bosatelli, Mario Boselli, Diana Bracco, Niccolò Branca di Romanico, Roberto Briccola, Laura Colnaghi Calissoni, Giuseppe Castagna, Giovanni Maria Cavallini, Pierluigi Ceccardi, Maurizio Cimbali, Franco Cologni, Pierluigi Coppo, Carlalberto Corneliani, Carlo De Benedetti, Luigi De Vita, Gino Del Bon, Marialuisa Gavazzeni Trussardi, Graziella Danila Gavezotti, Daniela Gennaro Guadalupi, Federico Ghizzoni, Linda Gilli, Franco Goglio, Alessandro Goppion, Salvatore Grimaldi, Sergio Iori, Rosita Missoni Jelmini, Paolo Lamberti, Claudio Luti, Aram Manoukian, Gian Riccardo Marini, Stefano Mauri, Giovanna Mazzocchi Bordone, Paolo Merloni, Carlo Molteni, Franco Moscetti, Marco Nocivelli, Marco Pasetti, Corrado Passera, Ernesto Pellegrini, Pierino Persico, Michele Ratti, Fabrizio Rindi, Luigi Riolo, Nicola Risatti, Gianfelice Rocca, Luigi Roth, Salvatore Ruggeri, Giuseppe Santoni, Mario Scaglia, Paolo Scaroni, Alessandro Scelfo, Aldo Spinelli, Pier Luigi Streparava, Dino Tabacchi, Francesco Tornatore, Guido Valentini, Martino Verga, Gianluigi Viscardi.