Cavalli chiama Tyson, 'King Mike' è volto collezione uomo

·2 minuto per la lettura

Dal ring alla moda. Per la sua prima collezione uomo firmata Roberto Cavalli, Fausto Puglisi ha scelto un ospite speciale, l’icona della boxe, imprenditore e filantropo Mike Tyson. 'King Mike' presta il suo volto per la spring summer 2022, profondamente influenzata dal mondo del pugilato, tra stampe animalier e catene. "Mike Tyson - spiega Puglisi, direttore creativo del brand fiorentino di proprietà di Vison Investments - è una delle ultime icone pop viventi e oltre ad essere un campione di boxe, è anche un uomo elegante, dal gusto molto personale ed eccentrico. Più di tutto, la storia personale di questo indiscusso campione è anche una storia di sopravvivenza, lotta e resilienza. Incarna perfettamente il sogno americano, con tutte le possibilità che offre, ma anche il suo contrario”.

Eventuali polemiche sul personaggio non spaventano Puglisi, che aggiunge: "Tyson non è un eroe convenzionale, senza macchia, ma un uomo che è caduto e si è rialzato più di una volta nella vita. La possibilità di coinvolgerlo nella mia prima collezione uomo per Cavalli mi ha entusiasmato non solo perché è un'icona ma perché l’ho sempre ammirato per il suo stile e la sua immagine. La sua sola presenza fa riflettere e discutere, in modo molto stimolante. Tyson è un sopravvissuto che ha dimostrato grande forza. Per me la sua grinta e il suo senso dello stile personale incarnano l'essenza del brand Cavalli”. Il video della Roberto Cavalli menswear collection è diretto da Tommaso Ottomano mentre la campagna stampa e le fotografie sono di Francis Delacroix.

In collezione largo a stivali, sandali, ma anche sneakers che ricordano i calzari dei gladiatori, e maxi elastici in vita richiamano immediatamente l’iconografia del ring. Capi iconici del guardaroba maschile sono disegnati per essere immediati e quotidiani. Il vocabolario è profondamente radicato nell’heritage del marchio con un’influenza primi 2000 che si traduce nelle grafiche ispirate al profumo 'Serpentine' del 2005. Motivi zebra e giaguaro rubano la scena, mentre si tingono delle sfumature delicate di un’alba sul deserto o dei colori infuocati di un tramonto tropicale a Miami Beach. Via libera a stampe su shorts, camicie, completi in stile pigiama, tutti in fluido twill di seta, e anche sulle giacche sartoriali. In linea con il Dna del marchio radicato negli anni '70, il denim è protagonista: lavato, tinto, pitturato con vernice spray o stampato con teste di felini. Le costruzioni sono morbide nella proposta tailoring, che introduce nella collezione una vena di eleganza sartoriale, interpretata con un occhio moderno.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli