Cazzaniga, ex volley azzurro truffato per 15 anni da fidanzata finta: "700 mila euro persi"

·2 minuto per la lettura
- (Photo: ANDREAS SOLARO via AFP via Getty Images)
- (Photo: ANDREAS SOLARO via AFP via Getty Images)

Ingannato per quindici anni da una fidanzata inesistente a cui ha versato oltre 700 mila euro per cure mediche inventate. Protagonista della vicenda è Roberto Cazzaniga, 42enne ex nazionale azzurro di pallavolo ed attuale capitano del Gioia del Colle, che ora ha sporto denuncia presso la Guardia di Finanza. La storia dello sportivo è stata raccontata dalla trasmissione di Mediaset “Le Iene”, andata in onda martedì 23 novembre.

Ma com’è stato possibile? Tutto inizia nel 2008, quando Cazzaniga conosce online una ragazza di nome Maya, presunta modella brasiliana che si presenta (ma lui non lo sa) sui social con le foto della famosa Alessandra Ambrosio, famosa per essere stata dal 2004 al 2017 una delle testimonial di Victoria’s Secret. I due si sentono, ma non si incontrano mai di persona: a fare da tramite è sempre un’amica in comune di nome Manuela (che nel servizio de “Le Iene” ha negato di conoscere il pallavolista, ndr). La situazione si trascina così, per anni.

Cazzaniga, pensando di essere fidanzato con la fantomatica Maya, riceve continue richieste economiche per presunti problemi di salute della giovane che sostiene di vivere a Cagliari. Nel frattempo ancora nessun appuntamento vis-à-vis, tra i due fidanzati i rapporti sono solo virtuali. Mentre proseguono senza sosta i bonifici a favore di una terza donna, tale Valeria, che sostiene di essere amica di Maya. Negli anni, lo sportivo perde ben 700 mila euro, arrivando a prosciugare i propri conti e indebitandosi. Alla fine il pallavolista, spinto dai compagni e dai famigliari, decide di raccontare la sua storia e di rivolgersi alla Guardia di Finanza.

“Le Iene” hanno rintracciato a Cagliari la suddetta Valeria, che prima ha tentato di far perdere le sue tracce e poi ha ammesso di essere colpevole del raggiro, ma non da sola. Insieme a lei, ad organizzare la truffa la suddetta Manuela e il suo compagno. La signora Manuela, tramite i suoi legali, fa sapere ad Huffpost, di essere totalmente estranea a qualsiasi responsabilità riguardo alla vicenda.

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli