Cdm approva Def e scostamento da 40 miliardi, nel 2021 +4,5% Pil

Red
·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 15 apr. (askanews) - Via libera dal Consiglio dei ministri al Documento di economia e finanza (Def) e alla richiesta di un nuovo scostamento di bilancio da 40 miliardi di euro. Lo scostamento sarà utilizzato per il nuovo decreto imprese, che dovrebbe essere varato entro la fine di aprile.

Nella seduta di oggi, l'esecutivo ha approvato le cifre del Def, che vede nel 2021 la crescita del Pil programmatico al 4,5%. Nel 2022 il Pil crescerà del 4,8%, per poi crescere del 2,6% nel 2023 e dell'1,8% nel 2024 con "tassi di incremento mai sperimentati nell'ultimo decennio", secondo quanto sottolineano fonti di Palazzo Chigi.

Il rapporto deficit/Pil è stimato all'11,8% nel 2021, un livello "molto elevato dovuto alle misure di sostegno all'economia e alla caduta del Pil". Il rapporto deficit/Pil scenderà al 5,9% nel 2022, al 4,3% nel 2023 e al 3,4% nel 2024. A partire dal 2025, il rapporto deficit/PIL tornerà a scendere sotto il 3%.

Il rapporto debito/Pil è stimato al 159,8% nel 2021, per poi diminuire al 156,3% nel 2022, al 155% nel 2023 e al 152,7% nel 2024.