Cecilia Quadrenni presenta il nuovo singolo: "Gli affetti sono la vera ricchezza"

·5 minuto per la lettura
Cecilia Quadrenni Verso Oriente
Cecilia Quadrenni Verso Oriente

Dopo il successo di “Esco nuda”, Cecilia Quadrenni presenta il nuovo singolo, “Verso Oriente”. Nel brano la cantante toscana unisce melodie orientali, più soavi e riflessive, a sound pop elettronici. La cantautrice racconta in chiave metaforica la fine di un rapporto, che porta alla tormentata interruzione di un capitolo della propria vita. Una fine difficile e per questo paragonata a una vera e propria guerra. “Un deserto, uno scontro, la rabbia e il rancore che finiscono per logorare i rapporti. Come i soldati sempre in guerra, ci guardiamo con sospetto e ci attacchiamo per paura di perderci o di rimanere soli”. Così ha dichiarato Cecilia Quadrenni, la quale, sul brano “Verso Oriente”, ha aggiunto: “In un momento in cui tutto rimane in superficie, prevale la voglia di arrivare in fondo, sviscerare le emozioni e vivere tutto con anima e corpo. La terra che ci insegna a purificarci e tornare alla pace attraverso la resa, il perdono e la pioggia. Un simbolo di rinascita ma anche di libertà e cammino verso l’accettazione nella nostra unicità”. Il videoclip ufficiale è stato girato in una location suggestiva e tutta all’aria aperta. Cecilia si è spostata in mezzo al verde della Brianza e, godendo di una vista mozzafiato, si è cimentata nella realizzazione del video che accompagna la sua nuova canzone. A riguardo ha detto: “Si mescolano le emozioni di chi si lascia logorare dal rancore e dall’odio perdendosi nei vicoli magici e angusti del paese e quelle di liberazione e pace caratterizzate dall’ascesa sulle scalinate in direzione del santuario. Un’esperienza straordinaria dove il luogo evocativo e senza tempo, si è mescolato alle note della canzone in un connubio perfetto”.

Nell’intervista esclusiva, Cecilia Quadrenni ha parlato del nuovo singolo, “Verso Oriente”, e dei progetti futuri. Ha offerto importanti spunti di riflessione e consigli profondi dei quali fare tesoro.

Cecilia Quadrenni racconta “Verso Oriente”

Ad anticipare il nuovo album è un brano “variopinto” e originale, in grado di unire le calde atmosfere orientali, dal sound più lento e riflessivo, alle melodie pop, più elettriche ed elettrizzanti. Sul progetto Cecilia ha spiegato: “Il mio manager ha notato nella mia voce delle sonorità molto eteree, etniche, molto sospese e dolci, delicate. Così abbiamo pensato sarebbe stato bello aggiungere un arrangiamento ricco di bassi. Anche il testo è più aggressivo: parla di guerra, ma alla metafora si unisce la fede nella speranza. Abbiamo dato vita a un contrasto tra voce e arrangiamento: sarà una costante anche delle prossime canzone”.

Attraverso la metafora della guerra, Cecilia Quadrenni in “Verso Oriente” descrive il dolore di una relazione che finisce e il cambiamento che subiamo sotto l’influenza di altre persone. A tal proposito, ha dichiarato: “Parlo di amore, ma le mie parole riguardano qualsiasi tipo di rapporto: affettivi, familiari, di amicizia. Spesso restiamo attaccati a gelosie, ingiustizie subite e rancori che ti logorano”.

Nel brano, con la delicatezza che la contraddistingue, descrive anche quell’umana e intima paura di restare soli. Un timore profondamente legato all’essere umano:Abbiamo bisogno degli altri. Mi piace stare sola, ma per scelta: l’uomo non è fatto per stare solo”. La vera felicità, come giustamente sottolineato dalla cantante toscana, è frutto della condivisione: “Un bel traguardo lo si vive intensamente solo se condiviso con gli altri. Se resti solo con le tue emozioni non c’è lo sviluppo dell’essere umano, che è nato per stare insieme. Avere degli affetti è la vera ricchezza”.

E quanto è difficile essere sé stessi e mettersi a nudo in una relazione? “Mettersi a nudo, in una relazione d’amore, è la parte più difficile ma forse la meno necessaria. Forse deve restare la voglia di scoprire sempre di più l’altro, la sua parte più intima”, è la sua risposta. Per lei, nell’amicizia è diverso: “Ho una carissima amica con la quale posso mettermi a nudo al 100%. Si tratta di una grande e rara fortuna”.

Cecilia Quadrenni Verso Oriente
Cecilia Quadrenni Verso Oriente

Tra le bellezze di Montevecchia

Il videoclip ufficiale, del quale la stessa Cecilia è protagonista, è stato girato in una location all’aria aperta, capace di offrire un’atmosfera unica e suggestiva. Ha conosciuto per la prima volta Montevecchia alta, comune della Brianza in provincia di Lecco.

“Il merito è del mio manager, il quale mi ha consigliato un luogo suggestivo e dai richiami orientali. Dalle foto faticavo a comprenderne a pieno la bellezza: è un posto magico, spero di tornarci presto. Durante le riprese del video sentivo la tensione. Era appena finito il lockdown e per muoversi erano ancora necessari i permessi di lavoro. Se non fosse stata “buona la prima”, probabilmente l’uscita di “Verso Oriente” sarebbe slittata. Vorrei tornare presto a visitare Montevecchia, ammirare il paesaggio seduta in qualche localino e goderne la bellezza passeggiando per le sue piccole vie”, ha fatto sapere la cantautrice.

I prossimi progetti

Mentre si gode l’emozione e la soddisfazione per l’uscita del nuovo singolo, Cecilia Quadrenni è al lavoro su altri progetti. “Sto realizzando il disco, ma le date dei live sono ancora incerte. Oltre agli inediti che presto conoscerete, farò due cover di Mango: sarà un omaggio al mio artista italiano preferito”, ha spiegato.

Cecilia Quadrenni Verso Oriente
Cecilia Quadrenni Verso Oriente

Sugli inediti dei quali è autrice ha svelato: “Affronterò temi particolari e differenti rispetto a “Esco nuda” e “Verso oriente”, i brani che ho presentato finora”. Per il momento si gode la bella soddisfazione, frutto della sua determinazione, degli sforzi fatti, della gentilezza e della passione che la caratterizzano: “Sono veramente molto contenta”, ha detto dolcemente.

Ora, inoltre, aspetta di poter presto tornare a incontrare il pubblico e divertirsi nei live. La crisi economica conseguente all’emergenza coronavirus si è fatta sentire anche per gli artisti. C’è sempre più bisogno di ripartite, ma alla necessità si aggiunge l’emozionante e profonda adrenalina che solo il pubblico sa donare.