Cedu: "Russia responsabile dell'assassinio di Alexander Litvinenko in Uk"

·1 minuto per la lettura
epa05115084 (FILES) A file photograph showing Russian Federal Security Service (FSB) colonel Alexander Litvinenko during their press conference at the 'Interfax' news agency on 17 November 1998. Findings of a public inquiry into the killing of former Russian spy Alexander Litvinenko are due to be released by a British judge on 21 January 2016. Opponent of Russian President Vladimir Putin, Alexander Litvinenko, died in London, in 2006 from radioactive poisoning.  EPA/SERGEI KAPTILKIN (Photo: SERGEI KAPTILKINEPA)
epa05115084 (FILES) A file photograph showing Russian Federal Security Service (FSB) colonel Alexander Litvinenko during their press conference at the 'Interfax' news agency on 17 November 1998. Findings of a public inquiry into the killing of former Russian spy Alexander Litvinenko are due to be released by a British judge on 21 January 2016. Opponent of Russian President Vladimir Putin, Alexander Litvinenko, died in London, in 2006 from radioactive poisoning. EPA/SERGEI KAPTILKIN (Photo: SERGEI KAPTILKINEPA)

La Russia è responsabile dell’assassinio di Aleksander Litvinenko avvenuto a Londra nel 2006. Lo ha stabilito la Corte europea dei diritti dell’uomo.

Il 23 novembre 2006 Litvinenko, ex agente dei servizi segreti russi poi divenuto dissidente, è morto a causa di un avvelenamento da radiazione da polonio-210, un isotopo radioattivo, in circostanze poco chiare. Tracce di polonio sono state individuate in diversi locali della capitale britannica nei quali l’ex agente si trovava prima del ricovero.

La Corte ritiene “che vi sia una forte presunzione” che gli autori dell’avvelenamento, individuati da un’indagine britannica, “agissero come agenti dello Stato russo”. Sottolinea inoltre che Mosca non ha fornito una spiegazione alternativa “soddisfacente e convincente”, “né ha confutato i risultati dell’inchiesta pubblica britannica”.

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli