Cena clandestina in un ristorante di Milano, sanzionate 26 persone

·2 minuto per la lettura
milano, cena la ristorante con 26 persone. sanzionati
milano, cena la ristorante con 26 persone. sanzionati

Proseguono le cene clandestine, nonstante le restrizioni ancora valide: questa volta la cena si è svolta in un ristorante di Milano, dove 26 persone sono state identificate dalla polizia.

Milano: cena clandestina al ristorante in barba ai divieti anti-Covid

Anche se nella giornata del 16 Aprile, il presidente del Consiglio Draghi ha parlato di riaperture, questo non significa che le norme anti-Covid siano andate in soffitta. Evidentemente non tutti però la pensano allo stesso modo: in un ristorante di Milano infatti, il “Pescadero” di via Bronzetti, gli agenti della polizia hanno trovato 26 persone, sedute tranquillamente al tavolo consumando la loro cena. La segnalazione è arrivata alla stazione di polizia tramite l’applicazione Youpol, e quando gli agenti sono arrivati al ristorante ciò che gli si è presentato davanti gli ha lasciati senza parole: 26 persone, di cui 10 uomini e 16 donne, stavano consumando la loro cena seduti al tavolo. I commensali sono stati subito identificati dagli agenti, e per loro sono scattate le sanzioni amministrative previste per chi non rispetta le norme anti-contagio, dovranno pagare 400 euro di multa cadauno. Per quanto concerne invece il proprietario del locale, oltre alla multa, è stato predisposto la chiusura del locale per 5 giorni.

Una scena simile è avvenuta a Pasqua in Brianza, quando i carabinieri, hanno scoperto dei ragazzi intenti a festeggiare con una grigliata in giardino. Fatto ancor più grave se si pensa che uno di loro, positivo al Covid, ha violato la quarantena pur di far parte della comitiva: 17 i ragazzi in totale sanzionati, inoltre, a seguito di accertamenti, si è scoperto che anche un altro ragazzo, anche lui positivo, aveva violato la quarantena. Nel caso in cui, alcuni componenti della comitiva dovessero risultare positivi, i due potrebbero rispondere del reato di epidemia colposa.